Unity Enemies è sbalorditivo: la persona che vedete in questo video non è vera

Another ICT Guy

Unity Enemies è sbalorditivo: la persona che vedete in questo video non è vera

Dopo il corto “The Heretic“, Unity torna a stupire con “Enemies“, un nuovo teaser cinematografico realizzato per dimostrare gli importanti avanzamenti nella riproduzione digitale di una persona umana con particolari sempre più fotorealistici, dagli occhi ai capelli per arrivare alla pelle. Il tutto, ovviamente, renderizzato in tempo reale a risoluzione 4K.

La demo, realizzata in occasione della Game Developers Conference (GDC) del 21-25 marzo, mira a dimostrare lo stato dell’arte rispetto a “uno dei problemi più difficili nella computer grafica“, cioè la creazione e il rendering di personaggi umani digitali credibili. Osservando il filmato di Enemies possiamo dire che Unity ha compiuto un enorme balzo avanti nella giusta direzione.

La software house ha lavorato su tre direttrici: sviluppare una soluzione per riprodurre i capelli in modo fedele, migliorare il realismo del volto e fare il tutto all’interno di un vero contenuto. “Ciò significa che tutta la grafica e le funzionalità principali di Unity sono state spinte al massimo, inclusa un’interoperabilità fluida, al fine di aumentare la qualità complessiva dell’immagine. Più specificamente, Enemies utilizza l’intero set di funzionalità di Unity High Definition Render Pipeline (HDRP), Screen Space Global Illumination (SSGI), i nuovi Adaptive Probe Volumes, ray tracing, il Deep Learning Super Sampling (DLSS) di NVIDIA e ogni altra soluzione, grande o piccola, che è rilevante per i nostri obiettivi”.

Per Enemies, Unity ha scelto un’attrice sulla quarantina, utile a presentare un nuovo livello di sfide tecniche rispetto al personaggio di The Heretic. “Per iniziare, la pelle chiara è più trasparente e il flusso sanguigno ha un effetto più visibile sulla sua pelle mentre si muove e parla, quindi abbiamo sviluppato una tecnologia di tensione per guidarla. Le rughe sono più pronunciate e richiedono un’attenzione particolare dal punto di vista dell’ombreggiatura e dell’illuminazione”.

“Gli occhi presentano il loro sottoinsieme di sfide, alcune delle quali sono state risolte, ma abbiamo aumentato il realismo aggiungendo una caustica. La peluria facciale aggiunge un sottile ma importante realismo all’ombreggiatura della pelle e l’abbiamo reso possibile spostando il sistema Skin Attachment sulla GPU. E, ultimo ma non meno importante, le abbiamo dato i capelli lunghi”.

In un lungo post a questo indirizzo il team di Unity spiega per filo e per segno le soluzioni tecniche adottate per Enemies. Nello stesso articolo la software house assicura che quanto sviluppato sarà condiviso con la comunità per applicarlo ai rispettivi progetti Unity.

In un mese o due rilasceremo un pacchetto Digital Human 2.0 che contiene tutti gli aggiornamenti e miglioramenti che abbiamo fatto dalla versione che abbiamo condiviso per The Heretic. Rilasceremo anche un pacchetto contenente il sistema Hair su GitHub, in modo da raccogliere feedback e apportare aggiornamenti prima che diventi una funzionalità ufficialmente supportata”.

Alcune delle funzionalità menzionate sono già disponibili in Unity 2021.2, mentre gli sviluppatori ne introdurranno altre nelle versioni 2022.1 o 2022.2.

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.