Stop alle acquisizioni oltre i 5 miliardi di dollari: si fa largo in USA la proposta di legge

Another ICT Guy

Stop alle acquisizioni oltre i 5 miliardi di dollari: si fa largo in USA la proposta di legge

Presso il Congresso degli Stati Uniti d’America si sta facendo strada una proposta di legge, il Prohibiting Anticompetitive Mergers Act, che mira a contrastare le acquisizioni tra grandi società che rappresentino mosse potenzialmente anticoncorrenziali, una pratica che ultimamente è stata piuttosto in uso tra grandi aziende tecnologiche.

Proposta dalla senatrice democratica per il Massachussets Elizabeth Warren e dal rappresentante democratico per lo stato di New York Mondaire Jones, la legge punta a vietare qualsiasi accordo di acquisizione di valore superiore ai 5 miliardi di dollari.

“Negli ultimi cinque decenni le grandi aziende hanno avuto quasi libero sfogo sulla nostra economia, schiacciando concorrenti, diventando sempre più grandi, e abusando del loro potere di mercato per dissanguare i consumatori e schiacciare i lavoratori e le piccole imprese. Questo comportamento incostituzionale deve terminare. Il mio nuovo disegno di legge con il rappresentante Jones ripristinerebbe la tradizione antimonopolistica del nostro Paese vietando le fusioni più grandi e anticoncorrenziali e fornendo al Dipartimento di Giustizia e alla Commissione Federale sul Commercio strumenti più robusti per far rispettare le nostre leggi antitrust e ripristinare la vera concorrenza nei nostri mercati” ha dichiarato la senatrice Warren.

La nuova legge se approvata andrebbe ad impegnare il Dipartimento di Giustizia e alla Commissione Federale sul Commercio a considerare sia il valore di un’eventuale operazione di fusione/acquisizione sia il suo impatto sui lavoratori e, sulla base di tali considerazioni, darebbe loro il potere di opporsi all’operazione nel caso in cui andasse ad estendere significativamente la posizione di mercato e risultasse dannosa per i dipendenti.

“Nel 2021 le nostre agenzie antitrust hanno ricevuto più richieste di acquisizione che in qualsiasi altro anno nell’ultimo decennio. Dalle grandi fusioni tecnologiche tra aziende come Facebook e Instagram, alle fusioni agricole tra aziende come Wayne e Sanderson Farms, la recente impennata dei consolidamenti aziendali ha aumentato la disoccupazione, ridotto i salari e consentito alle aziende di aumentare ulteriormente i prezzi durante questo periodo di inflazione” ha commentato il rappresentante Jones.

Curiosamente l’acquisizione di Instagram da parte di Facebook avvenne nel 2012 per un controvalore di 1 miliardo di dollari ma, negli anni recenti, anche limitatamente al panorama tecnologico, si sono verificate numerose acquisizioni il cui valore ha di gran lunga superato i 5 miliardi di dollari. Di seguito ne elenchiamo alcune avvenute negli ultimi 20 anni, senza pretesa di completezza e in relazione solo a realtà statunitensi:

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.