Spotify chiude uffici Russia a tempo indeterminato

Another ICT Guy

Spotify chiude uffici Russia a tempo indeterminato

Continua l’isolamento tecnologico di Mosca. Il gigante dello streaming musicale Spotify ha dichiarato di aver chiuso i suoi uffici in Russia e di aver rimosso dal suo servizio i contenuti sponsorizzati dallo stato russo. La mossa è arrivata in risposta all ‘”attacco non provocato contro l’Ucraina”, ha affermato la società in una nota, aggiungendo di aver adottato diverse misure.

“Abbiamo chiuso il nostro ufficio in Russia fino a nuovo avviso”, ha affermato la società con sede a Stoccolma, quotata alla Borsa di New York. Inoltre, il gigante dello streaming ha affermato di aver esaminato “migliaia di episodi di podcast dall’inizio della guerra” e di aver limitato la capacità degli utenti di trovare podcast di proprietà e gestiti da organi di informazione legati allo stato russo. Spotify ha affermato che all’inizio della settimana aveva rimosso tutti i contenuti dalle testate giornalistiche sponsorizzate dallo stato russo RT e Sputnik all’interno dell’Unione Europea e in altri mercati. Ma manterrebbe il suo servizio aperto agli utenti russi. “Riteniamo che sia della massima importanza che il nostro servizio sia disponibile in Russia per consentire un flusso globale di informazioni”, ha affermato Spotify.
   

https://www.carlomauri.net

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.