Microsoft Vs antitrust UE: nuovo round!

Another ICT Guy

Microsoft Vs antitrust UE: nuovo round!

Secondo l’agenzia di stampa britannica Reuters, l’antitrust dell’Unione Europea starebbe indagando ancora una volta su Microsoft: questa volta a interessare gli enti regolatori sono le pratiche anticoncorrenziali che avrebbe – usiamo il condizionale – utilizzato il colosso di Redmond per spingere i suoi servizi cloud. Con l’esplosione della pandemia, infatti, il cloud ha subito una forte accelerazione ed è aumentata la richiesta di servizi che consentono la collaborazione e la comunicazione da remoto.

L’antitrust sta indagando per capire se Microsoft ha utilizzato delle pratiche anticoncorrenziali

L’indagine è partita ufficialmente dopo le denunce presentate da NextCloud, OVHcloud e altre due aziende che operano nello settore dei servizi cloud. Reuters ha affermato che è stato distribuito un questionario alle aziende rivali e ai clienti di Microsoft per verificare se non vi siano state delle irregolarità nella stipulazione degli accordi di licenza. La stessa Reuters ha dichiarato di aver visionato il suddetto questionario che riporterebbe il seguente testo: “La Commissione ha informazioni riguardo a Microsoft che potrebbe usare la sua posizione potenzialmente dominante in alcuni mercati di software per precludere la concorrenza su alcuni servizi di cloud computing“.

Nello specifico, gli esperti dell’antitrust stanno cercando di capire se gli accordi di licenza sottoscritti da Microsoft permettano agli altri fornitori di servizi cloud di poter competere regolarmente sul mercato o se esistano delle differenze o limitazioni da un punto di vista commerciale o nell’utilizzo delle stesse licenze. Interpellata sull’accaduto, Microsoft ha dichiarato: “Stiamo valutando continuamente il modo migliore per supportare i partner e rendere disponibile il software Microsoft ai clienti in tutti gli ambienti, compresi quelli di altri provider di servizi cloud”.

Dalla Commissione europea Microsoft finora ha collezionato una serie di multe per un totale di 1,6 milioni di euro negli ultimi dieci anni: la multinazionale guidata da Satya Nadella, infatti, è stata riconosciuta colpevole di diverse violazioni delle norme antitrust e di aver adottato in più di un’occasione comportamenti anticoncorrenziali. Vedremo come si evolverà questa vicenda.

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.