Rover Perseverance della NASA ricreato con i Lego da un italiano con 110mila mattoncini!

Another ICT Guy

Rover Perseverance della NASA ricreato con i Lego da un italiano con 110mila mattoncini!

Ulteriore incredibile opera LEGO, in scala 1:2 del famoso rover della NASA Perseverance, realizzato per conto del Dipartimento di Stato USA, dall’ingegnoso Riccardo Zangelmi, fondatore dell’impresa specializzata BrickVision. Il tecnologico e quanto ma sofisticato macchinario che abbiamo visto essere atterrato sul pianeta rosso di Marte ha la sua replica anche sulla Terra ed è fatta di mattoncini LEGO dopo oltre 400 ore di lavoro da parte di 4 persone che hanno assemblato oltre 110 mila mattoncini per un totale di oltre 200 kg di peso.

Riccardo Zangelmi lo conosciamo già perché è divenuto famoso per essere ”il genio dei LEGO” come unico “Lego Certified Professional Italiano” (ce ne sono comunque solo 19 in tutto il mondo) e che ha deciso di realizzare il Rover Perseverance direttamente a mano libera per oltre il 90% della struttura. Lui è a capo della BrickVision ossia un’azienda che nella zona di Reggio Emilia, progetta e lavora per la realizzazione di modelli, mosaici e sculture. Il progetto del rover di Marte è partito direttamente da una chiamata arrivata a Zangelmini dal dipartimento di Stato degli Stati Uniti d’America che ha chiesto questa sfida all’italiano il quale ha ben volentieri accettato dichiarando come per lui ”lo spazio è sempre stato fonte di gioia tanto che da bambino costruiva le astronavi con i Lego”.

Rover Perseverance con i LEGO: com’è stato costruito?

Da dove nasce l’idea di riprodurre dunque il Perseverance presente oggi su Marte? Il progetto LEGO è stato impartito dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti d’America che ha voluto rendere omaggio al team leader e capo-progetto della NASA, Kamal Oudrhiri. Da qui l’idea di riprodurre il Rover direttamente con i mattoncini LEGO in scala 1:2. Un progetto arduo non solo per la difficoltà di realizzazione ma anche per il numero di mattoncini utilizzati e per il gran numero di ore di lavoro.

Parliamo di oltre 400 ore di lavoro che un team di ben 4 persone ha impiegato per assemblare oltre 110.000 mattoncini LEGO sotto la super visione del ”genio dei LEGO”. In questo caso è stato fondamentale, racconta Zangelmini, il confronto con lo scienziato NASA responsabile della missione che ha dovuto aiutare il team della BrickVision nel portare avanti la costruzione soprattutto nella parte posteriore del rover. Sì, perché quella è stata la parte più difficile da assemblare vista la presenza di un accumulatore di energia, un motore a pale soprattutto in posizione obliqua rispetto all’asse del rover. Il risultato però è davvero magnifico.

Zangelmi non è di certo nuovo a queste imprese. Sul suo profilo Instagram si vede in compagnia di altre straordinarie costruzioni, come la Stazione AV Belfiore Firenze e quella di Afragola o quella di Reggio Emilia. E poi ancora la Ducati e molte altre figure per tantissime aziende private.

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.