Il futuro dei CSP secondo Dell Technologies

Another ICT Guy

Il futuro dei CSP secondo Dell Technologies

Al Mobile World Congress 2022, presso lo stand di Dell Technologies, Edge 9 ha avuto la possibilità di scambiare quattro chiacchiere con Sandro Tavares (Director, Telecom Systems Marketing), per parlare dei nuovi servizi che l’azienda statunitense è in grado di offrire nel settore delle telecomunicazioni, specificatamente in quello dei CSP (Communication Service Provider).

Con la trasformazione in atto nel mondo delle telecomunicazioni e l’avvento dell’Edge Computing e del 5G, gli operatori di telecomunicazioni si trovano ad affrontare nuove sfide e sono chiamati a migliorare continuamente la propria offerta di servizi. In questo contesto, Dell ha ampliato il proprio portafoglio di soluzioni siglando nuove partnership e sviluppando nuovi prodotti. E proprio alla fiera di Barcellona, l’azienda statunitense ha annunciato una serie di soluzioni destinate ad aiutare i CSP a trasformare le loro reti e supportare al meglio i loro clienti.

Dell Telecom Multi-Cloud Foundation, Open Telecom Ecosystem Lab e schede acceleratrici per il Layer 1: le tre novità della multinazionale

Il primo annuncio è quello relativo al Dell Telecom Multi-Cloud Foundation, un pacchetto di soluzioni che permette di implementare una piattaforma “cloud nativa” nella rete dell’operatore, attraverso un’infrastruttura hardware e i cloud stack dei principali partner di Dell, ossia Windriver, VMWare e Redhat. Grazie a questa struttura portante e agli strumenti di automazione proposti, i clienti di Dell avranno a disposizione una piattaforma su cui edificare e programmare la propria trasformazione digitale.

Il secondo annuncio riguarda invece il laboratorio di certificazione, l’Open Telecom Ecosystem Lab: si tratta di processo che permette ai fornitori di software indipendenti di Dell di ottenere una pre-certificazione e pre-convalida delle loro soluzioni per l’esecuzione su reti di operatori.

L’ultimo annuncio di Dell riguarda la tecnologia Open RAN: nello specifico si tratta di una scheda acceleratrice PCI-E, un inline accelerator per il Layer 1 nelle RAN 5G, capace di sgravare la CPU principale dalle elaborazioni Layer 1 (di solito rappresenta circa il 60% del carico totale), una soluzione che permette di avere una maggiore capacità a disposizione.  

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.