FRITZ!Box 4060 AX con porta WAN da 2,5 Gbps: come funziona una rete ad alte prestazioni

Another ICT Guy

FRITZ!Box 4060 AX con porta WAN da 2,5 Gbps: come funziona una rete ad alte prestazioni

Il nuovo FRITZ!Box 4060 AX è un router destinato principalmente agli usi aziendali, ma anche agli utenti domestici più esigenti nei confronti della propria rete di casa e ai giocatori. Per la prima volta un FRITZ!Box è predisposto per le connessioni FTTH più veloci: il 4060 è infatti dotato della porta WAN a 2,5 Gbps ed è dunque pensato per sostituire il router fornito dall’operatore e per essere connesso all’ONT (Optical Network Terminal) fornito da quest’ultimo. Unire le prestazioni delle connessioni FTTH alla versatilità di FRITZ!OS (il software sviluppato da AVM per i suoi FRITZ!Box) è di per sé un notevole valore aggiunto ottenibile con il 4060.

FRITZ!Box 4060 AX

Supporto Wi-Fi 6 MU-MIMO 4×4, centralino telefonico per dispositivi DECT e quattro porte LAN completano l’elenco delle caratteristiche principali della nuova soluzione: il nuovo router di AVM include tutto il necessario per le esigenze di un piccolo ufficio. Anche esteticamente rimanda all’idea degli usi più professionali, pur rimanendo sufficientemente elegante anche per l’arredamento domestico.

FRITZ!Box 4060 AX

Ma sono principalmente le elevatissime prestazioni della rete erogata dal 4060 a meravigliare. Questo FRITZ!Box è, infatti, dotato di tre unità radio e 12 antenne che permettono di raggiungere una velocità di trasmissione dati Wi-Fi fino a 6 Gbit/s, secondo i dati teorici forniti da AVM. Si tratta di un valore enorme, che rende questa soluzione la scelta ideale per chi deve gestire una moltitudine di terminali in piccoli spazi (che possono diventare grandi se la rete diventa di tipo mesh), conferendo a ciascuno di questi dispositivi la capacità di scaricare velocemente dati da internet e al tempo stesso di condividerli velocemente con gli altri dispositivi della rete.

FRITZ!Box 4060 AX

In modalità AX MIMO 4×4 con larghezza di banda di 80 Mhz, un router del genere trasmette 2400 Mbit/s teorici sulla banda da 5 GHz, ai quali si aggiungono i 1200 Mbit/s gestibili sulla banda da 2,4 Ghz. Il Wi-Fi 6, come vedremo con i nostri test, garantisce connessioni più veloci e più stabili, con migliori performance anche quando ci si allontana dal router. E le performance non diminuiscono anche se si collega alla rete una moltitudine di dispositivi con caratteristiche diverse, come smartphone, notebook, smart TV e altro ancora. Inoltre, in coppia con ripetitori come il FRITZ!Repeater 6000 tri-band, il nuovo FRITZ!Box 4060 è in grado di creare un sistema Mesh ideale per il Wi-Fi su grandi superfici e per più dispositivi.

Il FRITZ!Box 4060 è il primo modello della serie FRITZ!Box 4000 a supportare il DECT, utile per collegare cordless o dispositivi di domotica compatibili. Altre caratteristiche includono le tipiche funzioni dei prodotti FRITZ!Box come il parental control, un media server per foto, musica e video, così come l’accesso ospite Wi-Fi e l’accesso remoto tramite MyFRITZ!.

Naturalmente è molto importante la porta WAN a 2,5 Gbps, ideata per quelle connessioni in FTTH che garantiscono prestazioni notevoli. L’ultimo router presentato da AVM fa a meno della sezione modem ADSL ed è quindi concepito per collegarsi direttamente alla porta ethernet del media converter o in cascata al dispositivo fornito dall’operatore. La prima soluzione è sicuramente quella più indicata, in particolare quando ci si appoggia a operatori che erogano connettività a 2,5 Gbps.

FRITZ!Box 4060 AX

Questa porta può anche essere configurata differentemente, e utilizzata per collegare un dispositivo compatibile con lo standard 2,5 Gbe, per esempio un NAS, o un extender Wi-Fi come il FRITZ!Repeater 6000, così da sfruttarlo a pieno in modalità Mesh collegandolo via LAN. Fondamentalmente, il 4060 AX va a colmare quel gap che si era creato nella gamma di prodotti AVM con l’uscita del repeater 6000, che era l’unico del catalogo italiano dotato appunto di porta 2,5 Gbe.

Clicca per ingrandire

Per testare le performance del WiFi 6 abbiamo deciso di assegnargli carichi di lavoro progressivamente più onerosi, per capire fino a dove può spingersi una soluzione così avanzata e come funziona la rete che eroga. Prima abbiamo voluto eseguire un test Wi-Fi puro: ci siamo, quindi, dotati di un portatile con supporto a Wi-Fi 6, di un desktop con scheda madre comprensiva di scheda di rete Wi-Fi 6 e abbiamo usato anche un Surface Laptop 2 di precedente generazione con supporto Wi-Fi 5. Abbiamo ruotato questi dispositivi a differenti distanze rispetto alla posizione in cui si trovava il 4060.

Clicca per ingrandire

Per poter misurare le prestazioni in termini di throughput abbiamo utilizzato il software iperf v.2. I test di banda sono stati eseguiti richiedendo 10 flussi in parallelo, per una durata di 60 secondi per ciascun test. Il valore istantaneo non è mai stabile ma tende ad oscillare nel corso della misura, per via della intrinseca variabilità delle prestazioni delle reti Wi-Fi. Quindi abbiamo eseguito il test per ogni scenario varie volte, fin quando non abbiamo ottenuto un valore stabile.

Abbiamo alternativamente impostato uno dei dispositivi come server e l’altro come client, in modo da misurare il throughput in entrambe le direzioni. Il test che ha coinvolto il Surface e il portatile Wi-Fi 6 è stato, per semplicità di esposizione, indicato nel grafico come “Wi-Fi 5 1” quando il portatile Wi-Fi 6 ha fatto da server e come “Wi-Fi 5 2” quando il server era il Surface connesso, lo ricordiamo, in Wi-Fi 5. Per quanto riguarda i test che hanno coinvolto solo i dispositivi Wi-Fi 6 abbiamo indicato con “Wi-Fi 6 1” la condizione in cui il portatile ha fatto da server e il desktop da client e con “Wi-Fi 6 2” la situazione opposta.

FRITZ!Box 4060 AX

Tutti i test sono stati eseguiti escludendo la banda da 2,4 GHz, molto meno performante, e quindi esclusivamente su banda da 5 GHz. Si può notare come le prestazioni in Wi-Fi 6 siano sensibilmente superiori e come il margine si sia confermato quando ci siamo spostati a circa 10 metri dalla posizione del router, quando una serie di ostacoli (muri e pareti vetrate) hanno compromesso l’intensità del segnale. Il test dell’intensità del segnale Wi-Fi ci ha restituito valori in linea con i precedenti.

FRITZ!Box 4060 AX

La seconda ondata di test, invece, prevedevano che il server fosse connesso al router con un cavo LAN. Questo scenario è, infatti, più attendibile perché si esclude un fattore di variabilità e si simulano in maniera più aderente le condizioni secondo le quali i client interrogano il router/server durante la normale esperienza di navigazione. Abbiamo usato in questo caso lo stesso FRITZ!Box come server (per farlo siamo entrati nella modalità di supporto del FRITZ! – http://fritz.box/support.lua – e abbiamo attivato le Misurazioni throughput, precisamente la voce “Attivare punto di misurazione per un test Iperf UDP bidirezionale nella rete locale, porta 4712 per UDP”). Insieme, al solito, ai portatili Surface (Wi-Fi 5) e Huawei (Wi-Fi 6) come client. Come ovvio, abbiamo ottenuto risultati migliori dei precedenti, ma non in maniera così evidente. Eccoli (si può vedere anche come il segnale degradi all’aumentare della distanza).

FRITZ!Box 4060 AX

Fin qui tutto bene, con il dato degli 820 Mbit/s, in particolare, che è molto rilevante, praticamente mai raggiunto da qualsiasi altro dispositivo con supporto Wi-Fi 6 da noi testato. Ma i 6000 Mbit/s di cui parla AVM? Allora, abbiamo voluto spingerci oltre ed eseguire contemporaneamente due test iperf sulla stessa rete. Dapprima lo abbiamo fatto connettendo i due client allo stesso server, e poi abbiamo strutturato due coppie separate di server/client. In entrambi i casi il risultato è stato lo stesso. Ovvero, i due flussi si distribuivano la banda a disposizione, e sommando le rispettive velocità di throughput non si andava mai gli oltre 800 Mbit/s circa rilevati al test precedente. Anche se abbiamo cercato di lanciare i test contemporaneamente, per forza di cose uno partiva con qualche millesimo di secondo di anticipo rispetto all’altro, e il primo a lanciarsi solitamente andava a saturare quasi tutta la banda, mentre al secondo rimanevano le “briciole”. Naturalmente i dispositivi partivano a parità di condizioni, senza opzioni di priorità del traffico selezionate (comunque disponibili, come la suite classica di opzioni dei FRITZ!, tramite FRITZ!OS).

Allora, abbiamo deciso di sfruttare un’altra delle opzioni messe a disposizione dal software: ovvero creare una seconda rete con un altro SSID. Abbiamo quindi eseguito un test sulla prima rete e l’altro test sulla seconda, contemporaneamente. Il risultato è stato strabiliante, eccolo!

FRITZ!Box 4060 AX

Alla voce “Wi-Fi 6” corrisponde l’esecuzione del test iperf sul portatile con supporto Wi-Fi 6 e il desktop con scheda di rete Wi-Fi 6. In queste condizioni il solo PC Desktop ha toccato addirittura i 928 Mbit/s. Con “Wi-Fi 5”, invece, intendiamo il caso che coinvolge il portatile Wi-Fi 6 e il Surface Wi-Fi 5. Abbiamo poi confrontato questi risultati con quelli che avevamo ottenuto precedentemente con una singola rete attivata.

Evidentemente, attivare due reti con SSID diversi corrisponde all’abilitazione di due flussi di trasferimento dei dati, il che consente di sfruttare le capacità di trasferimento di ogni dispositivo sulla rete al massimo delle sue potenzialità, o quasi.

FRITZ!Box 4060 AX

In definitiva, FRITZ!Box 4060 AX è una soluzione in grado di offrire prestazioni di rete molto importanti negli spazi ristretti, con la possibilità di estendere questo livello prestazionale agli ambienti più grandi, e magari distribuiti su più piani, nel caso in ci si usi anche un ripetitore come il nuovo FRITZ!Repeater 6000. La porta WAN a 2,5 Gigabit/s permette, per la prima volta con un FRITZ!, di sfruttare il pieno potenziale delle reti in fibra di tipo FTTH. Unitamente alla flessibilità del FRITZ!OS, alla sua facilità d’uso e alla presenza di molte opzioni per configurare la priorità del traffico, FRITZ!Box 4060 AX rappresenta ora la soluzione ideale per il medio e piccolo ufficio, con tante applicazioni interessanti anche per la normale rete domestica e per i giocatori.

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.