Map Kit è l’alternativa di Huawei a Google Maps?

Huawei sarebbe quasi pronta a svelare un servizio di mappatura del territorio simile a Google Maps: l’annuncio, forse, nel mese di ottobre.

Huawei, che di recente ha presentato il suo nuovo sistema operativo HarmonyOS chiamando all’appello la community di sviluppatori, sembra avere in serbo un altro progetto a loro destinato. Si tratta di Map Kit, un servizio di mappatura del territorio al quale chi realizza applicazioni e software potrà far riferimento per quanto concerne indicazioni stradali, informazioni sul traffico aggiornate in tempo reale e non meglio precisate funzionalità AR.

Huawei Map Kit, alternativa a Google Maps?
Un’alternativa a Google Maps, dunque? È troppo presto per dirlo. Stando alle indiscrezioni trapelate nei giorni scorsi attraverso al testata China Daily il progetto è frutto di una collaborazione siglata con la società russa Yandex, la stessa che gestisce l’omonimo motore di ricerca, leader nel mercato locale. Ci sono rumor anche in merito a una possibile partnership con Booking Holdings, il gruppo del celebre omonimo portale per prenotare gli alberghi.

Le fonti parlano di un annuncio che potrebbe arrivare nel mese di ottobre, con una compatibilità iniziale del servizio estesa a 150 paesi di tutto il mondo e un supporto a 40 lingue. Non è chiaro se l’iniziativa sia stata messa in campo per motivi legati all’impossibilità di far leva sulle tecnologie di provenienza statunitense in seguito all’introduzione del ban USA che proprio oggi avrebbe dovuto entrare in vigore in modo definitivo. Utilizzare il condizionale è d’obbligo, considerando le voci di corridoio circolate nei giorni scorsi che vorrebbero il Dipartimento del Commercio d’oltreoceano concedere alla società di Shenzhen un’ulteriore proroga di 90 giorni mediante la firma di una Temporary General License, facendo così la scadenza a novembre.

Ad ogni modo, il business legato alla mappatura del territorio vede oggi Google primeggiare tra i giganti del mondo hi-tech. Negli anni scorsi Apple ha provato a colmare il gap, con risultati però tutt’altro che soddisfacenti nonostante gli sforzi messi in campo. Microsoft opera invece con Bing Maps, basandosi sui dati forniti da HERE, realtà acquisita da Nokia nel 2007 e passata poi più di recente nelle mani di un consorzio formato dagli automaker tedeschi Audi, BMW e Daimler.

Fonte: https://www.punto-informatico.it

https://www.carlomauri.net

Lascia un commento

Your email address will not be published.
*
*

Share via
Copy link
Powered by Social Snap