TikTok sospende l’arrivo della pubblicità personalizzata dopo l’altolà del Garante

Another ICT Guy

TikTok sospende l’arrivo della pubblicità personalizzata dopo l’altolà del Garante

L’altolà delle scorse ore del Garante della Privacy e le pressioni della Commissione irlandese per la protezione dei dati (DPC) sembrano aver portato TikTok ai più miti consigli.

L’azienda cinese ha deciso di sospendere l’entrata in vigore delle nuove norme sulla privacy che avrebbero permesso alla “pubblicità personalizzata“, basata sulla profilazione dei comportamenti tenuti nella navigazione del social, di raggiungere gli utenti maggiorenni senza consenso esplicito.

La nuova normativa doveva essere attuata a partire da oggi, 13 luglio, ma non sarà così. Un portavoce ha infatti dichiarato al sito Techcrunch che l’introduzione della nuova policy è sospesa. “Mentre affrontiamo le questioni sollevate dalle parti interessate sulle modifiche alla pubblicità personalizzata proposte in Europa, sospendiamo l’introduzione di quella parte dell’aggiornamento della nostra politica sulla privacy“.

Riteniamo che la pubblicità personalizzata offra la migliore esperienza in-app per la nostra comunità e ci metta in linea con le pratiche del settore e non vediamo l’ora di interagire con le parti interessate e affrontare le loro preoccupazioni”.

TikTok vuole mutare la base giuridica per il trattamento dei dati non più basandosi sul consenso degli interessati, ma su non meglio precisati “legittimi interessi” di TikTok e dei suoi partner. Il Garante, nella sua missiva, ha subito chiesto delucidazioni al social network, arrivando a concludere che “tale mutamento della base giuridica risulta incompatibile con la direttiva europea 2002/58, la cosiddetta direttiva ePrivacy, e con l’art. 122 del Codice in materia di protezione dei dati personali (che ne dà attuazione)”.

TikTok: nuovi filtri e strumenti per migliorare i video proposti ai più giovani

Nel frattempo, TikTok lavora per rendere l’app sempre più a prova di “adolescente”. L’azienda sta implementando uno strumento che le persone possono utilizzare per “filtrare automaticamente i video con parole o hashtag che non vogliono vedere nei loro feed Per te o Seguiti. Questa funzione sarà disponibile per tutti nelle prossime settimane“.

“Vogliamo svolgere un ruolo positivo nella vita delle persone che utilizzano la nostra app e ci impegniamo a promuovere un ambiente in cui le persone possano esprimersi su una varietà di argomenti, proteggendole allo stesso tempo da esperienze di visualizzazione potenzialmente difficili“.

“L’anno scorso abbiamo iniziato a testare modi per evitare di consigliare una serie di contenuti simili su argomenti che potrebbero andare bene come un singolo video ma che potenzialmente potrebbero diventare problematici se visualizzati ripetutamente, come argomenti relativi a dieta, fitness estremo, tristezza e altri argomenti relativi al benessere. Abbiamo anche testato modi per riconoscere se il nostro sistema potrebbe inavvertitamente consigliare una gamma più ristretta di contenuti a uno spettatore”.

“Come risultato dei nostri test e delle nostre iterazioni negli Stati Uniti, abbiamo migliorato l’esperienza di visualizzazione in modo che gli spettatori ora vedano meno video su questi argomenti alla volta. Stiamo ancora iterando su questo lavoro date le sfumature coinvolte. Stiamo formando i nostri sistemi per supportare nuove lingue mentre cerchiamo di espandere questi test a più mercati nei prossimi mesi”.

TikTok è anche pronta a introdurre un nuovo sistema per organizzare i contenuti “in base alla maturità tematica”, un sistema di rating simile a quello di altre industrie come quella dei videogiochi, per “impedire che contenuti con temi apertamente maturi raggiungano un pubblico di età compresa tra 13 e 17 anni“.

“Quando rileviamo che un video contiene temi maturi o complessi, ad esempio scene di fantasia che potrebbero essere troppo spaventose o intense per un pubblico più giovane, al video verrà assegnato un punteggio di maturità per impedire ai minori di 18 anni di vederlo”.

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.