Cybersecurity, 5G e IA i rischi di sicurezza del 2030

Another ICT Guy

Cybersecurity, 5G e IA i rischi di sicurezza del 2030

Trend Micro, azienda che si occupa di cybersecurity, ha presentato “Project 2030: Scenari per il futuro della cybersecurity”, uno studio a cui è legata una webserie che mostrano come potrebbe essere il mondo all’inizio del prossimo decennio, in modo particolare nel merito delle nuove minacce alla sicurezza informatica. Tra queste, il gruppo annovera i prossimi standard di connettività 5G e 6G, che renderanno i tentativi di intromissione più precisi e sofisticati. Poi gli strumenti di intelligenza artificiale, che potranno dare anche ad hacker senza competenze tecniche l’opportunità di compiere attacchi cybercriminali, su scale di ampiezza più grandi, facilitati da software automatici. Inoltre, per Trend Micro, le tecniche di occultamento attraverso l’intelligenza artificiale rendono impossibile l’attribuzione delle identità, ponendo problematiche sull’effettivo riconoscimento dei criminali e dei loro accessi non autorizzati ai sistemi violati. Spunto interessante è quello del “tecno-nazionalismo”.

Con tale termine, gli specialisti indicano uno scenario in cui la tecnologia avanzata diviene “uno strumento geostrategico chiave per alcune delle nazioni più potenti del mondo e questo allargherà ulteriormente il divario con gli altri Paesi”. Project 2030 è stato costruito sulla base di ricerche open source, sullo studio di rapporti sul panorama delle minacce a firma di aziende e scienziati, sul monitoraggio di brevetti e con il supporto di un sondaggio online solo su invito e un altro rivolto ai CISO. “La webserie sviluppata sulla base della ricerca vuole essere un modo coinvolgente e divertente per avere uno sguardo sul futuro e consentire alle organizzazioni di pensare a come dovranno adattarsi alle nuove realtà” afferma la compagnia.
   

https://www.carlomauri.net

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.