NASA SLS si muove: iniziano gli ultimi test prima del lancio di Artemis I

Another ICT Guy

NASA SLS si muove: iniziano gli ultimi test prima del lancio di Artemis I

Nel corso dei mesi abbiamo seguito le fasi dell’assemblaggio del grande razzo NASA SLS, uno dei più grandi mai realizzati dall’essere umano, pronto a riportare l’essere umano sulla Luna entro il 2030. Nonostante le difficoltà, i ritardi e un budget faraonico, ora finalmente ci siamo! Nella serata di oggi lo Space Launch System (SLS) verrà spostato dal VAB alla zona di lancio, Launch Pad 39B, che si trova al Kennedy Space Center in Florida.

Recentemente il programma Artemis è stato al centro di un aspro dibattito per via dei suoi costi di gestione. In generale tra il 2012 e il 2025 saranno spesi circa 93 miliardi di dollari per sviluppo e missioni con un costo di circa 4,1 miliardi per singolo lancio. C’è da ricordare che il programma Artemis è nato dalle ceneri di Constellation. Quest’ultimo, che comprendeva il ritorno sulla Luna, fu proposto nel 2005 e cancellato nel 2010 dall’amministrazione Obama. Dopo poco prese il via la realizzazione dell’attuale Artemis che ha visto diversi ritardi prima di arrivare al punto al quale siamo ora.

nasa sls

NASA SLS si muove, lentamente, verso la zona di lancio

Nonostante il ritorno sulla Luna sia sta spostato dal 2024 iniziale al 2025 e poi ancora al 2026 (o oltre) l’attesa per il lancio della prima missione Artemis è tanta. Ricordiamo che non ci sarà equipaggio umano a bordo della capsula Orion perché questo sarà un test generale per provare il vettore e tutti i vari sistemi. L’idea alla base del programma è quella di avere una presenza stabile sulla Luna (non come le missioni Apollo) sfruttando il Lunar Gateway. Questo sarà solo un piccolo passo per guardare ancora più in là, in direzione di Marte.

Nella serata di oggi (ora italiana) è iniziato lo spostamento di NASA SLS grazie al mezzo cingolato Crawler Transporter-2 che porterà razzo e torre di lancio (mobile launcher) dall’edificio di assemblaggio fino alla zona di lancio vera e propria. Non sarà però in questi giorni che avverrà effettivamente il lancio. Nelle prossime settimane infatti assisteremo al wet dress rehearsal. Si tratta di uno test finali di validazione dei sistemi che simula quanto avviene fino a poco prima dell’accensione dei motori.

Come spiegato dalla NASA, durante il wet dress rehearsal (WDR) verranno caricati a bordo i propellenti (idrogeno e ossigeno liquidi). Inoltre verrà condotto un conto alla rovescia simulato. I test dureranno due giorni e arriveranno fino a poco prima dell’accensione dei motori RS-25. Il conto alla rovescia sarà poi fermato e si tornerà a 10 minuti dalla partenza. A questo punto verrà ripreso di nuovo fino a -10″ dalla partenza. Questo servirà a capire se i sistemi funzioneranno correttamente sia in fase di lancio riuscito, sia di sospensione per vari motivi (scrub).

nasa sls

Dopo che il WDR verrà completato, NASA SLS sarà riportato all’interno del VAB. Qui il razzo sarà esaminato in tutte le sue parti e verranno analizzati i dati raccolti. Questo sarà uno degli ultimi passaggi necessari prima del lancio effettivo. Per vedere l’essere umano tornare a mettere piede sulla Luna (probabilmente nel 2026) bisognerà aspettare la missione Artemis III. Con Artemis II invece saranno presenti a bordo astronauti ma non ci sarà allunaggio.

Idee regalo,
perché perdere tempo e rischiare di sbagliare?

REGALA
UN BUONO AMAZON
!

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.