Crescono del 25% le vendite di semiconduttori nel 2021

Another ICT Guy

Crescono del 25% le vendite di semiconduttori nel 2021

La pandemia mondiale ha portato, come noto, ad una domanda di prodotti di elettronica di consumo e del settore ICT in generale che è stata nel 2020 e nel 2021 ben superiore a quanto si potesse inizialmente prevedere. Facile quindi prevedere come anche la domanda di semiconduttori in generale sia incrementata sensibilmente in questo periodo di tempo: Gartner lo certifica, indicando il 2021 come il primo anno nel quale le vendite di semiconduttori hanno superato quota 500 miliardi di dollari quale controvalore.

Il dato, ancora preliminare, per il 2021 parla di un fatturato complessivo di 583,5 miliardi di dollari USA, in crescita del 25,1% rispetto al 2020. Lo scorso anno è stato per giunta un periodo difficile per la produzione di semiconduttori, con una domanda di mercato ben superiore alle capacità produttive che ha generato non pochi problemi di produzione in alcuni settori.

Basti pensare sia al mondo dell’informatica in senso stretto per capire le difficoltà dell’approvvigionamento di componenti necessari per la costruzione dei prodottipoi posti in vendita. Ancora più netti i problemi del settore automobilistico, con un po’ tutti i produttori incapaci di far fronte alla domanda dei clienti per il ridotto numero di chip a loro disposizione per completare la costruzione delle vetture.

IBM_2nm_720.jpg

Tra le differenti tipologie di semiconduttori a farla da padrona ancora le memorie, con una domanda trainata dall’installazione di server cloud in datacenter sempre più grandi e complessi richiesti tra le altre cose anche per far fronte alle mutate necessità di lavoro e studio da remoto.

Samsung è ritornata alla prima posizione tra i produttori mondiali con una quota di mercato, nel 2021, pari al 13%; la segue a ruota Intel, al primo posto nel 2020, con il 12,5% del totale. Se Intel di fatto ha ottenuto un risultato annuale pressoché invariato rispetto al 2020 diverso è stato il comportamento di Samsung, capace di aumentare il fatturato di oltre il 30% nel periodo di riferimento.

SK Hynix chiude terza con il 6,2% mentre Micron si posiziona quarta con il 4,9%. A seguire troviamo Qualcomm, Broadcom, Mediatek, Texas Instruments e NVIDIA con quote che vanno dal 4,6% al 2,9% mentre chiude la top 10 AMD con il 2,7%: è quest’ultima, assieme proprio ad NVIDIA, quella che ha registrato il tasso di crescita maggiore dal 2020 al 2021 con oltre il 64% di aumento del fatturato.

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.