Memoria DDR5 e chipset con chiplets nelle piattaforme AMD AM5 di prossima generazione

Another ICT Guy

Memoria DDR5 e chipset con chiplets nelle piattaforme AMD AM5 di prossima generazione

Entro la fine del 2022 è previsto il debutto della nuova generazione di processori AMD Ryzen, noti con il nome in codice di Raphael e che presumibilmente saranno indicati con la serie numerica 7000.

Tom’s Hardware ha pubblicato alcune indiscrezioni su questi processori e sulle piattaforme a questi associati: sappiamo da tempo che queste CPU adotteranno il nuovo socket AM5, non compatibile con i processori ora in commercio. La principale novità a livello di piattaforma sarà legata all’utilizzo di memorie DDR5 che stando alle ultime indiscrezioni dovrebbero essere l’unico standard compatibile con questi processori.

ryzen_3000_socket_1280.jpg

Il controller memoria è da tempo integrato all’interno del processore, e non più nel chipset della scheda madre. Di conseguenza è la CPU a stabilire quale sia lo standard memoria compatibile che può essere adottato. AMD non ha ufficialmente parlato di compatibilità o meno tra le future CPU Ryzen e le memorie DDR4, cosa che lascia pensare come con le schede madri Socket AM5 ci sarà un passaggio completo allo standard DDR5.

AMD pertanto abbandonerà le memorie DDR4, utilizzate in abbinamento a tutte le versioni di processore Ryzen sino ad oggi presentate in commercio, potendo sfruttare la superiore bandwidth che lo standard DDD5 mette a disposizione. Difficile ipotizzare che alcuni chipset siano dedicati solo a memorie DDR5 mentre per altri di fascia entry level possa venir implementato supporto alle memorie DDR4: questo potrebbe essere reso possibile solo se le CPU Ryzen 7000 integrassero al proprio interno un doppio controller memoria compatibile con standard DDR4 e DDR5.

Interessante anche la struttura dei chipset di nuova generazione che verranno utilizzati da AMD in abbinamento ai nuovi processori: si prevede un’architettura a chiplet per il modello X670, quello che sarà posizionato quale proposta top di gamma per le schede madri più complesse e ricche. La scelta di un design di questo tipo è legata alla volontà di raddoppiare il supporto a periferiche esterne implementato dal chipset, adottando quindi due chip identici e non riproponendo il design con north e south bridge tipico delle piattaforme di svariati anni fa. Tale approccio sarà in ogni caso limitato al solo chipset X670, mentre per quello B650 più economico e per le proposte della serie A continuerà a venir utilizzato un design più semplice a singolo chip.

Nuovi processori, nuove schede madri e utilizzo della memoria DDR5: queste le caratteristiche delle nuove piattaforme desktop che AMD prevede di introdurre sul mercato entro la fine dell’anno in corso e che presumibilmente, visto il costo attuale delle memorie DDR5, non avranno dalla loro parte un prezzo d’acquisto particolarmente popolare.

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.