TCL ha piazzato il TV Best Buy anche per il 2022? Ecco i TV Serie C in anteprima e le nostre misure

Another ICT Guy

TCL ha piazzato il TV Best Buy anche per il 2022? Ecco i TV Serie C in anteprima e le nostre misure

Il 2022 si appresta a essere un anno molto interessante per il settore dei televisori. Lo sbarco della tecnologia QD-OLED ha rimescolato le carte e portato i vari marchi a giocare gli assi. Come abbiamo visto Sony ha messo i pannelli QD OLED sui suoi top di gamma, Samsung li usa, ma lasciando lo scettro di top di gamma alle soluzioni Neo QLED, mentre LG ha fatto vedere i muscoli in campo OLED spingendo i propri pannelli alle massime prestazioni.

TCL conferma la sua strategia

Dall’angolo in basso a sinistra e in senso orario: TCL C73, C83, P73, C63

C’era dunque grande attesa per vedere dal vivo la nuova gamma TV di TCL e non sono mancate le sorprese. In un evento presso il proprio showroom in sede a Vimercate, TCL ha infatti messo in mostra la sua nuova Serie C, quella in cui il marchio cinese è spesso maggiormente a proprio agio, con un mix interessante dal punto di vista delle caratteristiche e del rapporto finale qualità/prezzo.

TCL C93 e C83 QLED Mini LED 65 pollici

Per la serie C troviamo tutti pannelli QLED che, nel caso delle due serie top di gamma C93 e C83, sono accompagnati da retroilluminazione Mini LED. Caratteristica che invece accomuna i TV TCL C93, C83 e C73 è quella di disporre di un pannello a 144 Hz, che gli permette di presentarsi come alternative molto interessanti anche per chi vuole giocare coi il proprio televisore.

Sistema audio 2.1.2 firmato Onkyo

La Serie TCL C93 è il fiore all’occhiello tra i TV TCL 4K Mini LED e aggiunge alle caratteristiche del pannello QLED un sistema audio integrato firmato Onkyo con schema 2.1.2, che vede aggiungersi ai classici altoparlanti anche un subwoofer posteriore e due altoparlanti orientati verso il soffitto nella parte alta della cover posteriore, naturalmente per offrire audio Dolby Atmos. Il pannello Mini LED dichiara luminosità 2.000 nit (di picco) e un controllo molto avanzato della funzione local dimming con quasi 2.000 zone nel taglio da 75″ (1.080 per il taglio da 65″ che abbiamo visto esposto e misurato).

TCL C83 QLED Mini LED 65 pollici

I fratelli Mini LED Serie TCL C83 si proporranno a un prezzo più competitivo, sempre con pannello QLED da 144Hz, ma riducendo il numero di zone di local dimming, in questo caso nell’ordine delle centinaia. Non varia invece il bouquet di formati HDR supportati, che includono HDR10+, Dolby Vision e Dolby Vision IQ.

Come dicevamo, la nuova Serie C73 combina un pannello con risoluzione 4K con retroilluminazione di tipo classico e frequenza di aggiornamento a 144Hz. Come i fratelli maggiori vede la presenza di porte HDMI 2.1 (indicate come 144 Hz e 120 Hz), funzioni dedicate al gaming (ALLM, 144Hz VRR e Freesync Premium) e supporto a tutti gli standard HDR.

Tutta la nuova serie TCL Serie C, inclusi i modelli C63 sono basati sulla più recente piattaforma Smart Google TV e hanno audio sviluppato in collaborazione con Onkyo. Tutti i TV sono caratterizzati da pannelli LCD VA a 8 domini, come potete vedere dall’immagine qui sopra.

Completano la lineup presentata da TCL anche due nuove TV Smart con Google TV: la Serie P73 , che vanta una tecnologia Ultra HD con wide color gamut e la Serie P63 che arriverà più avanti. Alla presentazione abbiamo visto dal vivo un P73 55 pollici, che abbiamo avuto la possibilità di misurare con la nostra strumentazione, in collaborazione con Emidio Frattaroli di AV Magazine.

TCL C63: il Best Buy del 2022?

Devo dire che quest’anno i TV di cui abbiamo fatto le misure preliminari durante il primo contatto in occasione degli eventi di presentazione ci hanno stupito tutti positivamente. Eravamo curiosi di vedere il comportamento di questi TCL, soprattutto dopo che i primi passi nel mondo del Mini LED, in cui il marchio è stato in effetti pioniere, non erano stati privi d’inciampo.

Partiamo da alcune considerazioni sul top di gamma C93, presente all’evento in versione da 65 pollici e quindi caratterizzato da struttura Mini LED con 1.080 zone di retroilluminazione. Il marketing europeo di TCL ha – molto pomposamente – presentato “un controllo a 16 bit della retroilluminazione sui singoli pixel“, accompagnato da un controllo puntuale della qualità dei singoli Mini LED, con grande uniformità di resa luminosa e cromatica.

Al di là delle definizioni del marketing, visivamente il nuovo C93 sembra un netto passo avanti sul fronte della resa, soprattutto sulla profondità dei neri e sull’assenza di blooming (che invece affliggeva in modo pesante il primo X10 che avevamo visto in fabbrica in Polonia). Detto francamente, se vi facessero lo scherzo dicendovi che è un TV OLED, solo un occhio molto attento o un’analisi attenta potrebbe rivelare la burla.

Quello che è certo è che questi nuovi TV TCL ‘sparano’ un gran numero di candele per metro quadro in termini di luminanza massima. In particolare la serie C93, grazie all’elevato numero di zone di retroilluminazione ci ha stupito nella misura della luminanza massima ad aree crescenti. Rispetto ad altri TV Mini LED sul mercato, che esprimono la massima luminosità dell’immagine solo su aree abbastanza grandi, TCL C93 ha dimostrato picchi decisamente interessanti già a partire dal 1% dell’area con un valore di 921 NIT, arrivato a 1.452 NIT con il campione al 25% dell’area dello schermo.

Da questo punto di vista la differenza con i fratelli minori della serie C83, sempre rappresentati da un 65 pollici, è molto evidente visivamente, con qualche alone presente nelle zone di passaggio, anche se al limite del percepibile per chi si vuole godere un film e non è un nerd come noi, che spesso è più interessato a rilevare i difetti piuttosto che godersi il contenuto. La serie C83 ha di interessante il fatto di presentarsi anche in formato da 55 pollici che consente di posizionare il televisore a uno street price appetibile a un più ampio pubblico. In termini di luminanza massima TCL C83 ha pure superato il picco del fratello, arrivando più vicino alle 1.500 candele su metro quadro, sempre al 25% dell’area. Bisogna però tenere in considerazione che entrambi i modelli arriveranno più in là nel corso dell’anno e che non siamo di fronte ai risultati definitivi dei prodotti commerciali, ma di sample pre-produzione. C93 ha ancora spazio per tirare fuori le unghie con i firmware definitivi.

TCL C83 QLED Mini LED 65 pollici Gamut

I due top di gamma C93 e C83 hanno dimostrato, in modalità Cinema, prestazioni decisamente aderenti agli standard sul fronte della curva di gamma, praticamente perfetta. Decisamente buona anche la resa cromatica, con una copertura dello spazio colore DCI-P3 oltre il 96% per entrambi i modelli (96,45% per il C83 e 96,94% il C93).

Sappiamo bene che i modelli top di gamma rappresentano una fetta piccola del mercato in termini di volumi e che il grosso delle vendite cuba nel segmento più accessibile. È qui che TCL C63 gioca carte molto pesanti.

TCL C63 QLED Mini LED 55 pollici Gamut

Per un televisore che dovrebbe presentarsi attorno ai 749 € di listino nel taglio da 55 pollici e che sarà disponibile nei tagli da 43″ a 75″, abbiamo rilevato prestazioni decisamente interessanti. Luminanza massima di 375 candele su metro quadro, curva di gamma ben riprodotta e resa cromatica con copertura dello spazio colore DCI-P3 del 94,5%.

TCL C63 QLED Mini LED 55 pollici Gamma

Interessante anche il modello ‘Budget‘ TCL P73, presente sempre nel taglio da 55″. Si tratta di un TV con tecnologia Wide Color Gamut: invece che sfruttare uno strato Quantum Dot sul pannello (come avviene nei QLED) aggiunge fosfori rossi e verdi con spettro più ‘stretto’ all’interno dei LED bianchi nella retroilluminazione, in modo da fornire al pannello uno spettro migliore e, di conseguenza, ottenere in uscita dal filtro LCD colori più saturi. TCL dichiara una copertura dello spazio colore DCI-P3 del 90%, un valore che abbiamo realmente misurato, con anche qualche decimale di vantaggio (90,95%). Un risultato interessante per televisori che saranno proposti sul mercato a partire da 499 €.

Primo contatto con la gamma 2022 TV TCL C Series: conclusioni

TCL si conferma avere importanti carte di giocare nella fascia media di mercato. In particolare la serie P73 può rappresentare una buona scelta per chi ha un budget risicato, ma vuole un gamut abbastanza ampio. Ad avere un centinaio di euro in più in tasca la scelta più sensata è certamente quella dei TV TCL C63, che probabilmente avranno, in termini di street price, prezzi molto allettanti, uniti a prestazioni di tutto rilievo per il segmento. TCL C73, grazie al pannello a 144 Hz strizza l’occhio ai videogiocatori.

I due TV top di gamma C93 e C83 vanno invece a giocare su un terreno molto difficile: sebbene abbiano prestazioni di rilievo in termini cromatici, di luminanza massima e resa del nero, si scontrano con le soluzioni OLED, che in questo 2022 sono in espansione in termini di tagli e gamme e che per molti appassionati di cinema potrebbero restare le preferite.

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.