I MacBook Pro problematici non possono volare

La Federal Aviation Administration impedisce di portare a bordo dei voli i MacBook Pro oggetti del richiamo per i problemi alla batteria.

Nel mese di giugno Apple ha richiamato alcuni dei MacBook Pro commercializzati tra il settembre 2015 e il febbraio 2017 a causa di problemi alla batteria legati al rischio di surriscaldamento. Un pericolo concreto, con decine di incidenti già segnalati dai proprietari. Oggi torniamo a parlarne per via di un’ordinanza emessa dalla Federal Aviation Administration statunitense: i dispositivi interessati e non ancora sottoposti a un intervento di sostituzione dei moduli fallati non possono volare.

MacBook Pro: quelli richiamati non volano
L’autorità d’oltreoceano lo ha confermato alla redazione di Bloomberg. Già avvisate le compagnie aeree, così come i dipendenti di Total Cargo Expertise, l’azienda controllata da ECS Group che si occupa della gestione dei voli per conto di TUI Group Airlines, Thomas Cook Airlines, Air Transat e Air Italy. Secondo una stima resa pubblica da un ente canadese, le unità di MacBook Pro affette vendute negli Stati Uniti sono 432.000 circa, 26.000 in Canada (non è dato a sapere quante nel resto del mondo).

Non è chiaro in che modo FAA abbia intenzione di comunicare l’impossibilità di portare a bordo i MacBook Pro interessati all’interno degli aeroporti. Ad ogni modo, la vicenda richiama alla mente quanto accaduto nel 2016 dopo che sono emersi i problemi al Samsung Galaxy Note 7: anche in quel caso fu la batteria a costituire un rischio, arrivando in alcuni episodi a innescare addirittura vere e proprie esplosioni. Allora la Southwest Airlines optò per l’evacuazione di un velivolo dopo che da uno dei dispositivi a bordo iniziò a fuoriuscire del fumo.

Anche la European Union Aviation Safety Agency (l’agenzia europea per la sicurezza aerea) all’inizio del mese si è organizzata per scongiurare qualsiasi tipo di pericolo legato a possibili malfunzionamenti dei dispositivi dotati di batterie agli ioni di litio, lasciando però ai possessori la possibilità di portare a bordo i laptop in questione, pur proibendo loro di accenderli e utilizzarli.

Per capire se la propria unità è tra quelle interessate bisogna selezionare “Informazioni su questo Mac” dal menu Apple (nell’angolo in alto a sinistra dello schermo). Nel caso comparisse “MacBook Pro da 15″ con display Retina (metà 2015)” visitare l’apposita pagina del supporto ufficiale e digitare il numero di serie del computer. Se l’esito del check è positivo, procedere in uno dei seguenti modi per richiedere gratuitamente la sostituzione della batteria: rivolgendosi a un Centro Assistenza Autorizzato, contattando un Apple Store per fissare un appuntamento oppure mettendosi in comunicazione con il servizio di supporto per concordare la spedizione.

Fonte: https://www.punto-informatico.it

Https://www.carlomauri.net

I MacBook Pro problematici non possono volare
Tags:             

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Share via
Copy link
Powered by Social Snap