GTA VI: gli sviluppatori tornano in ufficio tutta la settimana, Rockstar vuole più produttività e sicurezza

Another ICT Guy

GTA VI: gli sviluppatori tornano in ufficio tutta la settimana, Rockstar vuole più produttività e sicurezza

Stando a quanto riportato da Jason Schreier di Bloomberg, il quale sarebbe entrato in possesso di una mail indirizzata ai dipendenti, agli sviluppatori di GTA VI è stato chiesto di lavorare nuovamente solo in presenza. L’obiettivo di Rockstar è garantire maggiore produttività e, soprattutto, sicurezza per evitare fughe di notizie.

In effetti, i leak non hanno giocato di certo a favore della software house finora, la quale è stata costretta perfino a pubblicare il trailer in anticipo rispetto alla data programmata. Nei mesi scorsi le fughe di notizie si sono susseguite con la condivisione perfino di alcune fasi di gameplay.

Alla luce di questo Jenn Kolbe, responsabile per la pubblicazione di Rockstar, avrebbe chiesto all’intero team di interrompere lo smart working a partire dal 1° aprile, data in cui il gioco entrerà nella fase finale di sviluppo. I lavoratori sembrano non aver accettato di buon grado la scelta del responsabile.

Non tutti, infatti, condividono l’idea che il lavoro in presenza renda più produttivi, ritenendo che il quello da remoto posso essere altrettanto efficace. Non si può negare che qualche esempio a supporto di questa tesi ci sia, tra cui Marvel’s Spider-Man 2 qui la nostra recensione – il quale rappresenta una produzione di altissimo livello e ha raggiunto numeri notevoli per un’esclusiva. Ad ogni modo, volenti o nolenti, dal lunedì al venerdì, gli sviluppatori di Rockstar dovranno tornare in ufficio.

In questa fase, il team si occuperà dell’ottimizzazione dell’esperienza per Xbox e Playstation, le uniche piattaforme attualmente confermate. Considerando che il lavoro di rifinitura richiede all’incirca un anno, la richiesta da parte di Kolbe appare quasi una conferma dell’uscita per aprile-maggio 2025 vociferata negli scorsi mesi.

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *