Recensione custodia MUJJO per iPhone 15 Pro Max. Il ritorno della pelle di qualità

Another ICT Guy

Recensione custodia MUJJO per iPhone 15 Pro Max. Il ritorno della pelle di qualità

In un’epoca dominata da materiali sintetici ultra-moderni, c’è ancora spazio per il fascino intramontabile della pelle? Mujjo, brand olandese attivo nel settore degli accessori sin dal 2007, ne è convinto. I suoi prodotti di pelle per iPhone, realizzati con cura certosina, sono una vera e propria dichiarazione d’amore verso questo materiale organico, apprezzato da sempre per resistenza, carattere e quel tocco vintage capace di donare grande stile.

MUJJO: abbiamo provato la cover per iPhone 15 Pro Max

Abbiamo avuto modo di apprezzare ancora una volta la maestria artigiana di Mujjo provando la sua custodia liscia per iPhone 15 Pro Max nella sempre affascinante colorazione Monaco Blue. Già al primo contatto ci si rende conto di avere tra le mani un prodotto radicalmente diverso dalle cover economiche Made in China: la pelle pieno fiore ha una grana pregiata, l’effetto soft-touch è estremamente piacevole e il colore tende a cambiare in base alla luce riflessa su di essa creando tonalità particolari e a volte anche originali.

Tutto sappiate che è merito della concia completamente vegetale, del processo produttivo europeo certificato Gold dal Leather Working Group e dell’utilizzo di pelami di alta qualità forniti da marchi rinomati come Ecco. Lo stesso tipo di pellame scelto dai brand di moda di lusso per le loro iconiche borse Kelly ed Hermès. Insomma, siamo su un altro pianeta rispetto alle imitazioni plasticose che popolano gli store online.

A differenziare Mujjo dalla miriade di competitor è anche l’attenzione certosina ai dettagli. La pelle non riveste infatti solo il retro, ma avvolge completamente il device proteggendolo anche sui bordi interni e laterali, normalmente scoperti. Un aspetto tutt’altro che scontato nell’universo delle custodie iPhone, dove spesso si risparmia sulla qualità lasciando ampie porzioni di plastica grezza visibile a mo’ di cornice.

Gli interni sono rivestiti in una microfibra giapponese, ideale per assorbire grasso e impronte senza lasciare aloni ma anche per non rovinare il posteriore dello smartphone. I pulsanti metallici laterali sporgono leggermente di più rispetto a quelli di altre cover per una migliore sensibilità e, dettaglio non trascurabile, sono rifiniti internamente in morbido tessuto per non graffiare i pulsanti dello smartphone. Perfettamente centrato troviamo poi l’anello magnetico per la ricarica MagSafe, così da sfruttare questa comoda feature senza compromessi.

Non mancano neppure i classici ritocchi “griffati”, come l’incisione del logo Mujjo nella parte inferiore della custodia. Piccoli segni distintivi, quasi fossero marchi di fabbrica, che trasmettono un senso di unicità e savoir-faire artigianale difficilmente riscontrabile altrove. L’azienda stessa ci tiene a sottolineare, con un pizzico di orgoglio, come ogni singola cover venga controllata e testata a mano prima della spedizione.

Dal punto di vista estetico la custodia valorizza il design minimale degli iPhone donando quel pizzico di eccentricità in più. La colorazione blu scelta per il test è molto bella, vira verso tinte violacee in particolari condizioni di luminosità e crea una piacevole omogeneizzazione con le tonalità blu del device. Anche la sensazione in mano è eccellente, nonostante la superficie liscia garantisca un ottimo grip, complice il profilo leggermente rialzato su tutti i lati.

Riassumendo, perché scegliere Mujjo? In primis per la qualità costruttiva davvero elevata. Poi per la cura del dettaglio e la ricerca quasi maniacale della perfezione. Dulcis in fundo, l’indubbio fascino vintage capace di donare carattere ad un accessorio tanto inflazionato.

Il tutto a un prezzo non propriamente economico ma ampiamente giustificato: la custodia per iPhone 15 Pro Max costa 64€ e ricordate che è disponibile anche per le altre varianti di melafonino e soprattutto anche in altri colori. Un investimento consigliato a chi non scende a compromessi sulla classe.

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *