Grandissimo successo per NIO: firmato un accordo con Geely per il sistema di scambio batterie

Another ICT Guy

Grandissimo successo per NIO: firmato un accordo con Geely per il sistema di scambio batterie

Il costruttore cinese NIO, da qualche tempo arrivato anche in Europa con le sue auto elettriche, ha creduto fortemente fin da subito nel sistema di scambio batterie rapido, tramite stazioni robotizzate, una modalità di “ricarica” su cui molti nutrivano dubbi, soprattutto in occidente.

In realtà in Cina il sistema è molto apprezzato, e le stazioni di scambio sono già più di 2.100, e coprono tutte le direttrici principali del Paese. Le prime stazioni sono arrivate anche in Europa, dove NIO ha iniziato la commercializzazione delle sue auto. Ora è arrivata una firma importantissima, appena dopo che NIO aveva incassato un altro accordo.

NIO and Geely

NIO e Geely, altro grande gruppo automobilistico cinese, hanno siglato un accordo per una collaborazione ad ampio spettro sul sistema di scambio. Le due aziende vogliono di fatto sviluppare uno standard, collaboreranno in maniera reciproca, anche sul funzionamento e sull’espansione della rete di stazioni di scambio. Verranno inoltre realizzati modelli di auto elettriche con batterie intercompatibili, per sfruttare le stesse stazioni e gli stessi pacchi batteria.

NIO and Geely

Stazione di scambio batterie NIO

Per meglio comprendere l’importanza dell’accordo, è bene citare anche i marchi europei di Geely, che sono Volvo, Polestar, Lotus, Smart e Zeekr. NIO aveva inoltre, come accennato, appena concluso un altro accordo con Changan, che in pratica è il terzo costruttore cinese. L’ecosistema dello scambio batterie prende quindi enorme forza. Al momento nel circuito sono disponibili batterie da 75 kWh, con chimica più che altro LFP, e batterie da 100 kWh, esclusivamente con chimica NCM. Da poco sono arrivate anche le batterie a stato semisolido, con capacità di 150 kWh e altissima autonomia. Ogni batteria necessità poco più di 5 minuti per essere sostituita, compreso il tempo delle manovre per posizionare la vettura nella stazione automatizzata.

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *