Apple: “Android è un enorme dispositivo di localizzazione”. Svelato un documento interno del 2013

Another ICT Guy

Apple: “Android è un enorme dispositivo di localizzazione”. Svelato un documento interno del 2013

Apple ha definito Android un “enorme dispositivo di localizzazione” in una presentazione interna risalente al 2013, secondo documenti emersi nell’ambito del processo antitrust contro Google intentato dal Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti.

La presentazione, destinata ai dirigenti di Apple, metteva a confronto le politiche sulla privacy di Apple con quelle dei suoi principali concorrenti, tra cui Google. In una diapositiva dal titolo “Competere sulla privacy”, Apple sostiene che il suo approccio alla privacy era migliore e più rispettoso dell’utente rispetto a quello di Google e Android. “Android è un enorme dispositivo di localizzazione” recitava la diapositiva, in quello che emerge come un duro attacco alla piattaforma concorrente.

La presentazione faceva parte della testimonianza di Eddy Cue, vicepresidente senior di Apple, nell’ambito del processo antitrust avviato dal Dipartimento di Giustizia contro Google nel 2020. L’accusa sostiene che Google abbia stipulato accordi illegali con i produttori di smartphone, come Apple, per mantenere il suo dominio sul mercato dei motori di ricerca mobile.

I documenti interni di Apple mostrano come l’azienda, già nel 2013, vedesse Android e Google come una minaccia alla privacy degli utenti, probabilmente a causa della raccolta massiccia di dati operata dal motore di ricerca per vendere pubblicità mirata. Apple ha fatto della difesa della privacy un pilastro della sua strategia di marketing negli ultimi anni, scontrandosi fanno affermazioni con Facebook e altre aziende che affidamento sui dati degli utenti.

Android e Google non hanno ancora implementato protezioni analoghe a quelle di Apple, preferendo lasciare più libertà agli sviluppatori di app e agli inserzionisti di raccogliere dati sugli utenti. Ciò ha attirato ancora più critiche da parte di Apple, che nelle sue campagne pubblicitarie continua a sottolineare la superiorità della privacy offerta dai dispositivi iOS

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *