LeCun (Meta), ‘tra 10 anni l’IA come staff di persone virtuali’

Another ICT Guy

LeCun (Meta), ‘tra 10 anni l’IA come staff di persone virtuali’

(ANSA) – SIENA, 03 LUG – “Tra dieci anni potremo vedere
l’intelligenza artificiale come uno ‘staff di persone virtuali’
che lavoreranno per noi”. A dirlo è Yann LeCun, professore della
New York University, chief AI scientist di Meta e premio Turing
2018, che oggi ha ricevuto la laurea ad honorem dell’Università
di Siena per il contributo fondamentale alla ricerca nel campo
dell’intelligenza artificiale. La laudatio e la motivazione per
il riconoscimento sono state lette da Valerio Vignoli, direttore
del dipartimento di ingegneria dell’informazione e scienze
matematiche dell’Ateno senese, e da Marco Gori, docente dello
stesso dipartimento.
    “Siena e il suo ateneo – ha proseguito LeCun – mi hanno dato
un bellissimo benvenuto, per me è un onore essere qui”. “Ogni
tecnologia potente può essere usata per fare del bene o del
male” ha aggiunto LeCun specificando che “a seconda della
fiducia che si ha nell’umanità si può pensare” che
l’intelligenza artificiale “possa funzionare oppure no”. “Io
sono umanista e sono convito che riusciremo a massimizzare il
bene e minimizzare il male così come abbiamo fatto con le auto,
con i computer e con tutte le tecnologie che abbiamo avuto
finora”, ha concluso. (ANSA).
   

https://www.carlomauri.net

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *