Media canadesi a pagamento, Meta smette di pubblicarli

Another ICT Guy

Media canadesi a pagamento, Meta smette di pubblicarli

Facebook e Instagram bloccheranno l’accesso ai post dei media canadesi, ha affermato la loro società madre Meta, in risposta a una legge appena approvata in Canada che costringe i giganti di Internet a pagare per pubblicare i contenuti multimediali locali.

“Oggi confermiamo che i contenuti delle notizie non saranno più disponibili su Facebook e Instagram per tutti gli utenti in Canada”, ha dichiarato Meta in una nota, osservando di aver avvertito “ripetutamente” che questa azione sarebbe stata intrapresa. “Se il governo non può difendere i canadesi dai giganti del web, chi lo farà?”, ha reagito il ministro del Patrimonio Pablo Rodriguez. Facebook non aveva “alcun obbligo” di interrompere questo accesso, poiché la legge non era ancora formalmente entrata in vigore, ha aggiunto.

L’ufficio del ministro ha anche sottolineato di aver “incontrato Facebook e Google questa settimana” ed è rimasto aperto a ulteriori negoziati. La nuova legge impone ai giganti digitali di stipulare accordi di commercio equo con i media canadesi per le pubblicazioni condivise sulle loro piattaforme, pena il rischio di dover ricorrere ad arbitrati vincolanti.

Il mese scorso, il primo ministro Justin Trudeau ha criticato Meta per aver bloccato l’accesso di alcuni canadesi alle informazioni online durante i test, affermando che la società era “profondamente irresponsabile e fuori dal mondo” rifiutandosi di pagare i giornalisti per il loro lavoro.

Negli ultimi mesi, Meta e Google hanno affermato di stare testando una piccola parte della popolazione canadese, limitando il loro accesso ai siti di notizie. La nuova legge, fortemente criticata dai due colossi della Silicon Valley, mira a sostenere il settore dell’informazione in Canada che, secondo il ministro, è “in crisi”.

https://www.carlomauri.net

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *