Il boss di PlayStation non pensa che Microsoft voglia Activision Blizzard per le esclusive

Another ICT Guy

Il boss di PlayStation non pensa che Microsoft voglia Activision Blizzard per le esclusive

L’acquisizione di Activision Blizzard da parte di Microsoft ha generato per mesi discussioni su Call of Duty, la sua possibile esclusività per Xbox e l’immenso danno che ciò avrebbe comportato per Sony e PlayStation. Microsoft ha sempre smentito di voler Activision Blizzard per rendere esclusive le sue serie più popolari, mirando in realtà a rafforzarsi nel mondo mobile.

Sony, nella sua crociata per impedire l’operazione, ha sempre incentrato il dibattito sulle esclusive ma, colpo di scena, nemmeno lei crede a quello che dice. Lo si evince da un’e-mail svelata durante l’udienza del caso “FTC contro Microsoft”, in cui il capo PlayStation di Sony, Jim Ryan, e un ex CEO di Sony discutevano dell’annuncio dello scorso anno.

Non è una questione di esclusive“, ha detto Ryan. “Stanno pensando più in grande di così e hanno i soldi per fare mosse come questa. Ho passato molto tempo con [Phil] Spencer e Bobby [Kotick] e sono abbastanza sicuro che continueremo a vedere Call of Duty su PlayStation negli anni a venire“.

Parole in netto contrasto con i timori sostenuti dalla casa nipponica presso le autorità di regolamentazione del mercato. Sony, oltre all’ipotesi di perdere Call of Duty, disse che Microsoft avrebbe potuto sabotare la qualità del gioco su PlayStation per indurre i giocatori a passare su Xbox.

L’unione di Microsoft e Activision Blizzard creerebbe un colosso davvero temibile per Sony, ma nella stessa e-mail Ryan si professa alquanto tranquillo. “Abbiamo delle buone cose che bollono in pentola. Non sono compiacente, preferirei che non accadesse, ma andrà tutto bene, andrà più che bene“.

Inizialmente Microsoft ha offerto a Sony un accordo per mantenere Call of Duty su PlayStation per i tre anni successivi alla fine dell’attuale legame tra Activision e Sony. Ryan definì quell’offerta “inadeguata su molti livelli“, tanto che Microsoft rilanciò con un contratto decennale che, per ora, Sony non ha firmato.

La giornata di oggi ha mostrato che Sony ha sempre saputo che manterremo la nostra promessa di mantenere i giochi sulla sua piattaforma e ha chiarito che il suo lavoro di lobbying contro l’accordo è solo per proteggere la sua posizione dominante nel mercato“, ha dichiarato David Cuddy, general manager per gli affari pubblici di Microsoft a The Verge.

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *