Aurora, il supercomputer ‘tutto Intel’ prende forma: installati oltre 10.000 server blade

Another ICT Guy

Aurora, il supercomputer ‘tutto Intel’ prende forma: installati oltre 10.000 server blade

È stata completata l’installazione dei 10.624 nodi di calcolo che compongono il supercomputer Aurora che aspira a diventare il più potente al mondo con una potenza superiore a 2 exaflops. Installato presso l’Argonne National Laboratory del Dipartimento dell’Energia statunitense (DOE), il nuovo supercomputer è prevede 21.248 processori Intel Xeon Max Series (due per nodo) e 63.744 acceleratori Intel Data Center Max Series (sei per nodo).

Realizzato da Intel, Hewlett Packard Enterprise (HPE) e dal DOE, Aurora nasce per dare nuovo impulso alle simulazioni computazionali, l’analisi dei dati e l’intelligenza artificiale su scala estrema. Il sistema, oltre a decine di migliaia di CPU e GPU prevede oltre 1024 nodi di storage (basati su DAOS, Distributed Asynchronous Object Storage) per un totale di 220 terabyte di capacità.


Un membro del team di Intel, HPE e DOE porta l’ultimo blade da installare (Crediti: Argonne National Laboratory)

Intel ritiene che “entro la fine dell’anno, Aurora dovrebbe essere il primo supercomputer al mondo a raggiungere un picco prestazionale teorico di oltre 2 exaflops quando entrerà nella classifica TOP500″ che, al momento è guidata dal supercomputer Frontier basato interamente su hardware AMD, dalle CPU EPYC alle GPU Instinct.

A tal proposito, Intel afferma che i “primi risultati con le GPU Max Series dimostrano prestazioni di leadership nei carichi di lavoro reali scientifici e ingegneristici, mostrando fino a 2 volte le prestazioni delle GPU AMD MI250X su OpenMC, e uno scaling quasi lineare fino a centinaia di nodi“. Inoltre, “le CPU Intel Xeon Max Series offrono un vantaggio prestazionale del 40% sulla concorrenza in molti carichi HPC reali“.


L’installazione dell’ultimo server blade del supercomputer Aurora (Crediti: Argonne National Laboratory)

La famiglia di prodotti della Xeon Max Series ha già dimostrato ottime prestazioni su Sunspot, un sistema di sviluppo basato sulla stessa architettura di Aurora. Gli sviluppatori stanno usando oneAPI e tool AI per accelerare i carichi di lavoro HPC e AI e migliorare la portabilità del codice su più architetture.

Aurora è la prima implementazione della GPU Max Series di Intel, il più grande sistema basato su CPU Xeon Max e il più grande cluster di GPU al mondo. Siamo orgogliosi di far parte di questo sistema storico ed entusiasti per la rivoluzione che Aurora consentirà nell’AI, nella scienza e nell’ingegneria“, ha dichiarato Jeff McVeigh, vicepresidente corporate e general manager del Super Compute Group di Intel.

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *