All’ateneo Pisa 2 ‘macchine’ per lo sviluppo dell’IA

Another ICT Guy

All’ateneo Pisa 2 ‘macchine’ per lo sviluppo dell’IA

(ANSA) – PISA, 22 GIU – Due sistemi Nvidia Dgx-H100,
piattaforme di quarta generazione che permetteranno all’ateneo
pisano di competere con i principali centri di ricerca di tutto
il mondo, compresi quelli industriali, nello sviluppo
dell’Intelligenza Artificiale generativa, sono arrivati in
questi giorni presso il Green Data Center dell’Università di
Pisa e sono i primi ad essere installati in Italia.
    “Con questo ulteriore investimento, reso possibile grazie a
fondi di Ateneo e Pnrr del progetto SoBigData, puntiamo ad un
ruolo di leadership nazionale nella ricerca sull’intelligenza
artificiale – ha commentato il prorettore vicario
dell’Università di Pisa, Giuseppe Iannaccone -. Già oggi,
peraltro, con il Dottorato nazionale in Intelligenza
Artificiale, da noi coordinato assieme al Cnr, e con due lauree
magistrali nel settore, una presso il dipartimento di
Informatica e una presso il dipartimento di Ingegneria
dell’Informazione, abbiamo ruolo centrale nella formazione
avanzata nel nostro Paese in questo settore”.
    La disponibilità delle macchine Dgx-H100, si spiega in una
nota, consentirà ai ricercatori dell’Università di Pisa di
affrontare ricerche fondamentali riguardanti le routine di
ottimizzazione dell’Intelligenza Artificiale senza
iperparametri, che richiedono capacità di calcolo molto grandi.
    Grazie a queste due nuove macchine sarà anche possibile
addestrare l’Ai su modelli linguistici ampi, così da sviluppare
ancor di più le sue capacità di traduzione automatica. Le due
nuove architetture permetteranno, inoltre, all’Università di
Pisa di testare le proprie reti neurali artificiali potenziate,
oltrepassando i limiti posti dai benchmark sintetici su piccola
scala. Questo consentirà ai ricercatori dell’Ateneo di
affrontare applicazioni di classificazione dei vasi sanguigni
cerebrali e di risolvere problemi di ottimizzazione combinatoria
sulle reti semantiche del mondo reale come, ad esempio, quelli
relativi al Vehicle Routing, ossia all’ottimizzazione dei
tragitti dei veicoli utilizzati per le consegne. (ANSA).
   

https://www.carlomauri.net

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *