Nuove CPU Ryzen 9 di AMD: la cache 3DV è solo su uno dei due die

Another ICT Guy

Nuove CPU Ryzen 9 di AMD: la cache 3DV è solo su uno dei due die

Una delle principali novità presentate da AMD in occasione del CES 2023 di Las Vegas è il prossimo debutto delle CPU Ryzen 7000 per sistemi desktop dotate di 3DV cache, in modo speculare a quanto introdotto lo scorso anno con il processore Ryzen 7 5800X3D.

A differenza di quanto avvenuto con la precedente generazione di processori, per la serie 7000 AMD ha previsto il debutto di 3 distinte versioni di processore Ryzen basate su questa architettura, caratterizzate rispettivamente dall’integrare 8, 12 e 16 core. Se per la proposta a 8 core è integrato un singolo CCD, per le due versioni a 12 e 16 core questi quantitativi sono ottenuti abbinando due CCD sullo stesso package così come avviene del resto per le versioni standard di questi processori.

AMD Ryzen 9 7950X3D

Per le declinazioni X3D a 12e 16 core AMD ha però scelto di integrare la cache addizionale solo su uno dei due CCD presenti nel processore e non in entrambi, limitando il contributo di cache L3 3DV agli stessi 64Mbytes del modello a 8 core. Questa decisione è legata a una serie di analisi interne effettuate da AMD, che hanno evidenziato come l’utilizzo di cache X3D su entrambi i CCD avrebbe permesso di ottenere solo un marginale incremento delle prestazioni a fronte di un costo ben più sostenuto.

C’è una seconda considerazione da fare: l’integrazione di cache 3DV su un CCD implica inferiori margini in termini di frequenza di clock Turbo massima che può essere selezionata per questi core, in virtù del collegamento diretto tra tensione di alimentazione della CPU e della cache 3DV. L’aver inserito, nelle CPU a 12 e 16 core, un CCD sprovvisto di cache permette di sfruttare quest’ultimo con tecnologia Turbo quando si chiamano in causa i primi 8 core di elaborazione a frequenze più elevate così che sia possibile toccare clock di picco più elevati.


nel CCD di sinistra è possibile notare la presenza della cache 3DV montata a stack sopra il die

Vediamo del resto questo comportamento analizzando le massime frequenze di clock indicate da AMD per le 3 versioni di processore:

  • Ryzen 9 7950X3D: clock massimo sino a 5,7GHz boost
  • Ryzen 9 7900X3D: clock massimo sino a 5,6GHz boost
  • Ryzen 7 7800X3D: clock massimo sino a 5GHz boost

E’ evidente come le due proposte di fascia più alta abbiano una frequenza di boost clock di picco più elevata rispetto alla CPU Ryzen 77800X3D, che integra un solo CCD dotato di cache 3DV. Con un’architettura di questo tipo sarà poi compito del sistema operativo quello di gestire le priorità tra i differenti threads, inviando alle due diverse tipologie di core (con e senza cache 3DV) lo specifico task in funzione della sua natura così da massimizzarne le prestazioni finali.

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *