Avete un controller Google Stadia? Non buttatelo, ora funziona nelle Tesla

Another ICT Guy

Avete un controller Google Stadia? Non buttatelo, ora funziona nelle Tesla

Se come noi avete riposto tante speranze nel servizio di gaming cloud di Google, sarete forse rimasti delusi quando Big-G ha annunciato che avrebbe chiuso il servizio Stadia all’inizio del 2023. Poco male direte voi, dato che da Mountain View hanno deciso di rimborsare gli acquisti effettuati, sia hardware che software.

Quindi avrete probabilmente il controller Stadia, a dire il vero un ottimo gamepad, con ottimi materiali, un bel design e con tante tipologie di connessione, molte delle quali però rimaste sotto un sistema proprietario, e che Google probabilmente non sbloccherà mai.

Collegando il controller con un cavo USB-C, però, i PC lo riconoscono come un generico pad, e funziona discretamente bene, ad eccezione del limite del cavo sempre collegato. Oltre ai PC però c’è ora un’altra categoria di dispositivi che lo può utilizzare… su quattro ruote.

Stiamo parlando delle vetture Tesla che, come qualcuno saprà, hanno a bordo anche dei videogiochi, e che da un po’ di tempo ormai riconoscono vari tipi di controller. Quello Stadia di recente aveva smesso di funzionare, come successo in passato ad altri prodotti, poiché sempre supportati in via non ufficiale.

Stadia Tesla

Ma dopo il recente aggiornamento di Natale è tornato a funzionare. Collegandolo con un cavo adatto alla Tesla in oggetto (che può essere USB di tipo A o C in base al periodo di fabbricazione) il pad emette una vibrazione, e la luce di accensione passa immediatamente al colore bianco fisso. Provando con un gioco qualsiasi sembra funzionare tutto correttamente, anche le leve analogiche e i trigger posteriori. Magari non giocherete mai in auto, ma tutto sommato resta un ottimo pad, ed ora anche gratis.

Attenzione solo a una cosa. Sempre in base al periodo di produzione della vostra Tesla, le prese USB del tunnel centrale possono o non possono trasportare anche il flusso dati, per cui in alcuni casi, se gli strumenti come banali pendrive USB con caricata della musica non venissero riconosciuti, significa che è necessario sfruttare la presa USB che si trova nel cassettino porta oggetti di fronte al passeggero.

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *