Soyuz MS-22 e Stazione Spaziale Internazionale: la decisione finale verrà presa a gennaio 2023

Another ICT Guy

Soyuz MS-22 e Stazione Spaziale Internazionale: la decisione finale verrà presa a gennaio 2023

Negli scorsi giorni abbiamo trattato la perdita a bordo della navicella russa Soyuz MS-22 che è attualmente attraccata alla Stazione Spaziale Internazionale. La situazione rimane stabile e le vite degli astronauti non sono in pericolo immediato, tanto che non sono state attivate procedure particolari o un rientro prima del previsto. Questo non significa che il guasto sia preso alla leggera.

stazione spaziale

Una delle questioni che rimane aperta, la più importante, è che non è ancora chiaro se Frank Rubio (NASA), Sergey Prokopyev (Roscosmos) e Dmitri Petelin (Roscosmos) potranno tornare con la Soyuz MS-22 oppure se sarà necessario impiegare una nuova navicella (che potrebbe arrivare nella seconda metà di febbraio senza equipaggio) per garantire un rientro sicuro per l’astronauta statunitense e i due cosmonauti. Considerando che, come scritto sopra, la situazione non è critica, la decisione sarà presa nelle prossime settimane. Questo è quello che sappiamo.

La Stazione Spaziale Internazionale e la Soyuz MS-22: gli aggiornamenti

Secondo quanto riportato da diverse fonti russe, compreso il canale Telegram ufficiale di Roscosmos, la decisione definitiva su quello che sarà il destino della Soyuz MS-22 e dell’equipaggio che dovrà rientrare nella prima metà del 2023 sarà presa solamente a gennaio, quando ci saranno tutti gli elementi utili per valutare l’opzione migliore (riducendo i rischi).

Negli scorsi giorni al TsNIIMash (centro dedicato ai razzi e ai lanci spaziali) si sono riunite due commissioni che hanno esaminato la situazione della Soyuz MS-22. Una prima notizia importante è che la rottura del radiatore del sistema di controllo termico della navicella è avvenuta a causa di danni meccanici esterni. Questo significa che è stato escluso si possa essere trattato di un problema produttivo. Rimangono quindi le opzioni di un micrometeorite o di un detrito spaziale.

iss soyuz

Come specificato da Roscosmos “a gennaio 2023, sulla base delle conclusioni dei gruppi di lavoro, la commissione prenderà decisioni organizzative sulle ulteriori azioni degli specialisti di terra e dell’equipaggio del segmento russo della ISS, nonché su un possibile cambiamento nel programma di volo della stazione”.

Attualmente la navicella Soyuz MS-23 è al cosmodromo Bajkonur per l’integrazione con il razzo. Riducendo le tempistiche della fase preparatoria il vettore potrebbe essere pronto per il lancio a partire dal 19 febbraio 2023 (normalmente invece il lancio sarebbe previsto per il 16 marzo 2023).

Ricordiamo che, nonostante le precedenti dichiarazioni (poi riviste nei mesi successivi), Roscosmos e la Russia non lasceranno il progetto della Stazione Spaziale Internazionale entro il 2024. Il nuovo diretto generale Yuri Borisov (succeduto a Dmitry Rogozin) avrebbe confermato che la collaborazione dovrebbe proseguire almeno fino al 2028. Manca però ancora una conferma definitiva che verrà data nei prossimi mesi. Il 26 dicembre 2022 sono stati inviati nuovi documenti al governo russo per prendere una decisione sul destino della Russia a bordo della ISS, decisione che dovrebbe arrivare entro il 2023. Roscosmos ha quindi tutto l’interesse a fare in modo che la partnership con le altre agenzie continui almeno per il prossimo periodo.

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *