Ecco la Alpine A110 E-Ternité elettrica, per i 60 anni del modello i progettisti hanno fatto un miracolo

Another ICT Guy

Ecco la Alpine A110 E-Ternité elettrica, per i 60 anni del modello i progettisti hanno fatto un miracolo

La vedremo per la prima volta durante il Gran Premio di Francia di Formula 1, è la Alpine A110 E-Ternité, prototipo 100% elettrico del marchio controllato da Renault. La vettura è stata realizzata per celebrare il sessantesimo compleanno del modello, e non poteva che essere elettrica, dato il futuro ormai dichiarato della casa madre.

Voglio elettrificare Alpine perché possa entrare nell’eternità“, erano state queste le parole di Luca de Meo dopo il suo arrivo in Renault, ben consapevole che un brand di nicchia come Alpine ha bisogno dell’elettrificazione per non rischiare di scomparire. Ma il lavoro degli ingegneri non era semplice, dato il rischio di snaturare l’anima di una vera sportiva Alpine.

Alpine A110 E-Ternité

Per questo, quello che viene definito da Renault un “team d’assalto” ha raccolto la sfida impossibile, cercando di pescare dal profondo know-how del gruppo in tema elettrico, adattando i componenti alla A110. Come nel caso della batteria, presa dalla nuova Megane E-Tech Electric, ma disassemblata, così da permettere un posizionamento ottimale dei 12 moduli di cui è composta. Quattro di questi sono stati posti all’anteriore, e otto al posteriore, per una migliore distribuzione dei pesi. La procedura ha richiesto anche la costruzione di nuovi case specifici.

Alpine A110 E-Ternité

Anche il motore arriva ovviamente dalle parti normalmente utilizzate da Renault, con 178 kW di potenza e 300 Nm di coppia, di poco inferiore all’unità termica normalmente utilizzata nella A110. Ma il lavoro più grosso è stato per la trasmissione, per cercare di scaricare a terra la potenza senza vuoti e senza compromessi. Un componente simile non esisteva, e così è stata realizzata una nuova trasmissione, in collaborazione con il fornitore Alpine, con doppia frizione DCT con guida elettronica, come sulla versione termica, ma dimensionando il tutto per le coppie elevate.

Il risultato principale di questo lavoro non si legge solo nelle prestazioni, ma soprattutto nel peso, solo 258 kg superiore alla sorella termica, 1.120 kg contro 1.378 kg, ma con un target di 1.320, il che significa che c’è ancora qualcosa su cui poter lavorare. La ripartizione del peso è praticamente identica, 42/58, e la velocità massima è appena inferiore, fermandosi a 250 km/h. Anche l’autonomia non cambia di molto rispetto al termico, con 420 km per singola carica.

Ma la A110 E-Ternité ha permesso anche di esplorare nuove soluzioni per gli interni e per l’uso dei materiali, magari anticipando quello che sarà il futuro di un brand d’elite. Il sistema multimediale riprende il tablet personale del conducente, permettendogli di avere a portata di mano le sua app preferite, il tutto supportato da un sistema audio surround con otto altoparlanti e subwoofer. I materiali utilizzati per alcuni componenti chiave sono in fibre di lino, utilizzate anche in un secondo prototipo per parti della carrozzeria. Assimilabile al carbonio come prestazioni, il lino potrebbe essere un materiale del futuro, resistente e sostenibile. L’ultimo tocco è poi qualcosa di tanto atteso dai fan di Alpine, ovvero la possibilità di trasformare la A110 in decappottabile. Gli ingegneri hanno studiato una soluzione che non andasse a intaccare la rigidità della scocca, iniettando carbonio riciclato nei gusci del tetto.

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.