Amazon usa gli Echo per ascoltare le conversazioni e proporre pubblicità secondo uno studio

Another ICT Guy

Amazon usa gli Echo per ascoltare le conversazioni e proporre pubblicità secondo uno studio

Secondo i ricercatori di quattro università statunitensi, Amazon e altri servizi di terze parti hanno utilizzato dati ottenuti tramite gli speaker intelligenti Echo allo scopo di migliorare il targeting degli annunci pubblicitari. Gli accademici dell’Università di Washington, dell’Università della California-Davis, dell’Università della California-Irvine e della Northeastern University affermano che “Amazon elabora i dati vocali per dedurre gli interessi degli utenti e li utilizza per pubblicare annunci mirati”.

Amazon Echo: dati usati in violazione agli impegni sulla privacy

Secondo i ricercatori, i dati così ottenuti consentono di vendere annunci pubblicitari a prezzi fino a 30 volte superiori. “Se chiedi ad Alexa di ordinare salviette di carta o di riprodurre un brano su Amazon Music, la registrazione dell’acquisto o della riproduzione del brano potrebbe portare alla visualizzazione di annunci pertinenti su Amazon o altri servizi usati da Amazon per mostrare gli annunci” si legge nel documento pubblicato dagli accademici. “Usare le conversazioni vocali per migliorare il targeting pubblicitario è una chiara violazione rispetto alle loro politiche e alle loro dichiarazioni pubbliche”.

Amazon Echo

In altri termini, il fatto che Amazon non sia trasparente sul funzionamento dei dispositivi Echo renderebbe impossibile fidarsi dell’azienda quando parla di protezione della privacy degli utenti. Il documento fornisce un’analisi tecnica e un’analisi approfondita di come Amazon, i dispositivi Echo, l’assistente Alexa e i meccanismi pubblicitari siano progettati alla base per operare insieme.

Gli Amazon Echo non mettono a disposizione un’interfaccia per valutare come vengono utilizzati i dati e non esiste un modo pronto all’uso per capire cosa succede ai dati quando vengono inviati su Internet. Per ovviare a questo problema i ricercatori hanno assemblato un sistema hardware e software per seguire il percorso dei dati.

Innanzitutto, hanno creato dei falsi profili con preferenze differenti per poter simulare le interazioni con gli Echo. Hanno quindi configurato un router usando un Raspberry Pi in modo da registrare gli endpoint di rete contattati da Amazon Echo ed emulato quest’ultimo installando Alexa Voice Service SDK, al fine di acquisire il traffico di rete senza crittografia.

I personaggi falsi sono stati configurati per simulare interessi specifici. L’indagine ha portato alla conclusione che i dati raccolti dai dispositivi della famiglia Echo vengono condivisi da Amazon con 41 partner pubblicitari. Solamente una minima percentuale delle Skill, ovvero le app di Alexa, comunica correttamente come vengono utilizzati i dati provenienti dalle conversazioni private con Echo.

Sempre secondo il documento, nel 2018 Amazon depositò un brevetto in cui sosteneva che la sua tecnologia di riconoscimento vocale poteva catturare dati da utilizzare per la profilazione pubblicitaria. Raggiunto da The Register, un portavoce di Amazon ha commentato così: “Molte delle conclusioni di questa ricerca si basano su inferenze o speculazioni degli autori e non riflettono accuratamente come funziona Alexa”.

“Richiediamo agli sviluppatori di Skill che raccolgono informazioni personali di fornire una privacy policy, in modo che possa essere mostrata nella pagina dei dettagli della Skill, e di raccogliere e utilizzare tali informazioni in conformità con le politiche sulla privacy e la legge”, ha affermato ancora la società, confermando indirettamente i risultati dell’indagine dei ricercatori.

Uno di loro, Umar Iqbal, ha aggiunto: “Abbiamo notato che i partner pubblicitari di Amazon sincronizzano i loro cookie con Amazon e fanno offerte più alte rispetto agli inserzionisti non partner. Una spiegazione logica di questo comportamento è che Amazon e le Skill condividono o vendono i dati sugli interessi degli utenti con i propri partner pubblicitari”.

Idee regalo,
perché perdere tempo e rischiare di sbagliare?

REGALA
UN BUONO AMAZON
!

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.