Ancora mosse di Porsche nel mondo e-bike: vuole il controllo di Fazua e dei suoi motori elettrici

Another ICT Guy

Ancora mosse di Porsche nel mondo e-bike: vuole il controllo di Fazua e dei suoi motori elettrici

Il mondo dell’automotive sta attraversando una fase di profonda trasformazione, il che non riguarda solo le motorizzazioni, sempre più improntate all’elettrico, ma anche la gamma dei servizi che le case si stanno abituando a considerare come parte integrante della propria offerta.

È per questo che diversi costruttori si sono rimodellati come “fornitori di soluzioni di mobilità”, piuttosto che come semplici venditori di automobili. Tra chi ha intrapreso questo percorso troviamo anche Porsche, che lo sta facendo in particolare con il settore delle e-bike.

La casa tedesca, parte del Gruppo Volkswagen, di recente ha preso il controllo di Greyp, start up specializzata in e-bike sportive, creata a sua volta da Rimac. L’acquisizione è avvenuta nel giro di scambi che ha portato il brand Bugatti nelle mani del produttore croato, diventato Bugatti-Rimac.

Porsche Fazua

Prima dell’acquisizione di Greyp, Porsche aveva già immesso sul mercato due eMTB, create in collaborazione con Rotwild, ed ora fa l’ennesima mossa in direzione di questo particolare mercato. Porsche ha acquisito il 20% delle quote di Fazua, con un accordo che prevede la possibilità di ottenerne altre fino al controllo completo.

Chi conosce il mondo e-bike conosce bene anche Fazua, nota soprattutto per i suoi motori elettrici piccolissimi e performanti, oltre alle batterie completamente nascoste nei telai delle bici. Uno dei prodotti di punta di Fazua è un kit che può essere completamente rimosso, trasformando una e-bike in una bici normale, senza apparenti modifiche estetiche.

Porsche Fazua

Al momento Porsche non ha rivelato i suoi piani in maniera precisa, ma ha già dichiarato intenti nel mercato della micromobilità, che seguirà anche con la formazione di due nuove joint venture, questa volta messe in piedi con l’olandese Ponooc. La prima si occuperà di sviluppare nuove e-bike a marchio Porsche, mentre la seconda proporrà soluzioni tecnologie per il mercato della micromobilità elettrica, ed è qui forse che l’esperienza di Fazua verrà maggiormente sfruttata.

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.