General Motors vuole usare l’idrogeno per ricaricare le auto elettriche. Ecco come

Another ICT Guy

General Motors vuole usare l’idrogeno per ricaricare le auto elettriche. Ecco come

Tutte le più importanti case automobilistiche si stanno muovendo verso l’elettrico, ma non c’è dubbio che in cima alla lista delle preoccupazioni di aziende e clienti ci sia la futura rete di ricarica. Le auto elettriche avanzano velocemente nelle classifiche di vendita, e per ora l’infrastruttura regge e cresce proporzionalmente, ma cosa succederà un domani con un’adozione di massa?

Se lo chiede anche General Motors, che parallelamente al suo ecosistema di veicoli elettrici Ultium, sta sviluppando anche il progetto Hydrotec, che alla base ha l’idrogeno. I moduli Hydrotec sono stati pensati per alimentare veicoli fuel cell, ma GM sta ora pensando di utilizzarli anche in blocchi esterni, simili a container, per generare energia elettrica all’occorrenza.

Hydrotec

Gli Hydrotec dunque verrebbero implementati negli Empower, strutture semi permanenti in accoppiata con serbatoi di idrogeno e colonnine fast per veicoli elettrici. L’idrogeno sarebbe dunque utilizzato per produrre in loco l’energia elettrica, direttamente trasferita alle colonnine di ricarica, con potenza da 60 a 600 kW.

Detto così potrebbe sembrare un sistema complesso e poco efficiente, ma gli Empower non servirebbero certo per sostituire le normali installazioni. L’idea è di sfruttarli in aree di servizio dove la rete elettrica non ha la potenza sufficiente, o per installazioni temporanee in caso di eventi o necessità, un po’ come avviene già oggi con container generatori a diesel o aquafuel.

Hydrotec

Un utilizzo simile prevede anche il posizionamento dei moduli Hydrotec su un rimorchio, prendendo il nome di Mobile Power Generator (abbreviato MPG). La caratteristica distintiva sarebbe appunto la semplicità di trasporto e spostamento, molto utile ad esempio in campi militari provvisori, o aree soggette ad interventi di emergenza.

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.