Come scegliere un router WiFi per casa o ufficio

Another ICT Guy

Come scegliere un router WiFi per casa o ufficio

guida in collaborazione con ASUS

In pressoché ogni casa è presente una qualche forma di collegamento internet, complice anche la trasformazione della vita sociale avvenuta nel corso degli ultimi anni per via della pandemia globale. Avere una connessione web sufficientemente veloce, stabile nel tempo e disponibile in tutta la propria abitazione è diventata un’esigenza quasi fondamentale, per poter gestire al meglio i propri impegni di studio e lavoro oltre che lo svago del tempo libero.

Indice dell’articolo

I fornitori di connettività web offrono proprie soluzioni router in abbinamento al servizio di abbonamento; spesso questi prodotti sono però caratterizzati da funzionalità base, non tali da rispondere al meglio alle specifiche esigenze sia in termini di copertura del proprio ambiente domestico sia delle funzioni avanzate che possono essere configurate. Da questo nasce un mercato molto variegato di router più o meno specialistici, che a fronte di un investimento economico che può essere anche contenuto permettono di ottimizzare il funzionamento della propria connessione internet domestica.

Quali caratteristiche bisogna verificare, in un router, per scegliere il miglior modello per la propria abitazione? Il primo elemento è legato alle dimensioni della propria casa e la sua conformazione. Se un router singolo permette di avere copertura WiFi adeguata in un appartamento di piccole o medie dimensioni, avere a che fare con un appartamento grande o con una casa indipendente su più piani implica scelte differenti. 

Va inoltre tenuto in considerazione anche il tipo di utilizzo che viene fatto della connessione web in casa; quando questa è infatti sfruttata per il gaming online può essere consigliabile orientarsi verso un prodotto che integri funzionalità specifiche per i videogiocatori più appassionati. Da tenere in debita considerazione anche le soluzioni di sicurezza implementate all’interno del router, le quali possono accompagnarsi anche a sistemi di parental control utili per limitare l’accesso a servizi e siti indesiderati. 

WiFi 5 o WiFI 6?

La tecnologia WiFi 6 ha debuttato sul mercato con vari prodotti nel corso degli ultimi 24 mesi, affiancando le molte proposte WiFi 5 tradizionalmente in vendita. Questa nuova tecnologia porta in dote due vantaggi: una maggiore bandwidth massima di trasmissione del segnale e una sua superiore stabilità nel momento in cui sono numerose le periferiche collegate contemporaneamente. Detto in altro modo, il collegamento WiFi 6 è tipicamente più veloce e può gestire un maggior numero di periferiche in modo efficiente.

wi-fi6-certified_678x452.png

Per poter sfruttare appieno un router WiFi 6 è indispensabile abbinarlo a periferiche che siano corrispondenti a questa specifica. La maggior parte di PC portatili e smartphone in commercio, soprattutto se di fascia medio alta, è al momento di questo tipo ma non dobbiamo dimenticare che un router WiFi 6 è compatibile anche con le periferiche che non sono dotate di questo standard (e viceversa). L’adozione di una rete WiFi 6 può rappresentare un investimento più a prova di evoluzione futura rispetto a quella di un router WiFi 5, per quanto in genere questo implichi un esborso economico più importante.

Segnale 2,4GHz e 5GHz: le differenze

Le reti WiFi operano tipicamente con due differenti frequenze, pari rispettivamente a 2,4GHz e a 5GHz. La prima è quella standard in termini di compatibilità, utilizzabile da pressoché tutte le periferiche e di fatto l’unica implementata per quei prodotti di smart home (termostati, lampadine e sistemi di allarme) che non necessitano di bandwidth elevate per la trasmissione dei dati ma che invece devono potersi collegare con un segnale sempre stabile nel tempo.

E’ proprio questa la forza delle connessioni 2,4GHz: quella di assicurare un segnale non veloce ma stabile e continuativo anche in ambienti che presentino diverse tipologie di ostacoli alla trasmissione dei dati quali pareti più o meno spesse. Il segnale 5Ghz è invece ben più prestante dal punto di vista della velocità di trasmissione dei dati: maggiore velocità, tuttavia, che viene compensata da una superiore sensibilità alla presenza di ostacoli tra periferica e router e che quindi impattano sulle prestazioni complessive. In linea generale è sempre preferibile un collegamento a 5GHz perché assicura la bandwidth più elevata tra router e periferiche.

Un consiglio legato alla configurazione del router può essere quello di assegnare lo stesso nome di rete, e la stessa password di accesso, alle due tipologie di segnale così che sia la periferica a concordare con il router il tipo di collegamento migliore in funzione di distanza e caratteristiche dell’ambiente.

E se il segnale è debole in alcune stanze?

Il segnale WiFi irradiato dai router ha una potenza che tende a diminuire con la distanza, oltre che con la presenza di ostacoli che separano fisicamente le antenne del router dalla periferica ad esso collegata (come ad esempio una parete). In alcuni casi la qualità del segnale tende a degradare in modo così netto da penalizzare eccessivamente il collegamento, rendendo l’utilizzo delle periferiche molto difficoltoso.

Per ovviare a questa situazione è possibile espandere la propria rete WiFi attraverso quelli che sono chiamati extender o repeater, dispositivi che si connettono alla rete e che ne riemettono il segnale così come se si trattasse di un router montato specificamente in quell’ambiente: lo si posiziona nelle aree della casa dove il segnale principale è più debole, così da assicurare una migliore connessone per le periferiche presenti in quegli ambienti. Gli extender possono essere standard oppure parte, in qualità di satelliti, di quella che viene indicata come una rete Mesh nella quale il collegamento tra satelliti e router principale avviene attraverso un segnale dedicato e non condividendo quello rivolto a tutte le periferiche. 

La sicurezza è tutto

La sicurezza è uno degli elementi più importanti che devono guidare alla scelta di nuovi componenti e periferiche: non può quindi che essere fondamentale anche nella scelta del rporpio router, visto che è attraverso questo dispositivo che il segnale web viene trasferito ai differenti dispositivi presenti nella rete. I router ASUS offrono una protezione totale, sia all’interno che all’esterno della propria casa. A casa, la sicurezza di rete è garantita da AiProtection Pro con tecnologia Trend Micro™, una suite completa di internet security con aggiornamenti illimitati inclusi del valore commerciale superiore a 50€/anno, che protegge automaticamente tutti i dispositivi connessi e comprende anche un Parental Control avanzato.

L’abbonamento, già incluso con i router ASUS e a differenza di molte altre soluzioni, garantisce una copertura totale della propria rete ed un aggiornamento a vita. AiProtection rimane sincronizzato con il database cloud di Trend Micro per ottenere le firme più recenti per il sistema di prevenzione delle intrusioni, il blocco dei siti dannosi, il rilevamento e il blocco dei dispositivi infetti e il filtro del contenuto.

Fuori casa, invece, è possibile godere della protezione di Instant Guard, una funzionalità che rende sicura e protetta qualsiasi connessione WiFi pubblica. Instant Guard crea infatti un tunnel dati VPN verso il proprio router da qualsiasi parte del mondo, offrendo ai proprietari la massima tranquillità quando utilizzano connessioni Internet pubbliche potenzialmente non sicure.

Scenario d’uso: il videogiocatore appassionato

Quando si parla di gaming, il parametro da guardare con particolare attenzione è quello della latenza, oltre a quello della stabilità della connessione. Se la postazione di gioco è vicina al router solitamente l’intensità del segnale Wi-Fi è alta e la latenza, conseguentemente, bassa. Tutte le componenti della postazione di gioco producono una latenza: lo fa la scheda video, ma anche il monitor, la tastiera e il mouse. Se si aggiunge latenza anche per la connessione, il risultato finale potrebbe essere non sufficientemente valido per il gaming multiplayer competitivo, dove ogni millesimo di secondo ha un significato.

Asus router gaming

Per ridurre la latenza, la soluzione migliore rimane quella del cavo Ethernet, ovvero della connessione cablata tra postazione di gioco e router o ripetitore. Se la postazione è distante rispetto al router si può optare per un ripetitore, collegando con cavo quest’ultimo al router in modo da poter estendere la connessione a più dispositivi posti nelle vicinanze del ripetitore stesso. Se, invece, non c’è la possibilità di usare il cavo, il ripetitore può essere un valido strumento anche in presenza di connessione WiFi, ripristinando quasi interamente l’intensità del segnale che si ha intorno al router.

In ambito gaming è poi cruciale padroneggiare il concetto di QoS (Quality of Service) e scegliere a quale dispositivi dare la priorità. I software di router più avanzati permettono di determinare delle sottoreti di dispositivi a cui dare priorità o specifici IP della rete interna o, ancora, delle applicazioni in esecuzione su un dispositivo con un certo IP. In questo modo, con capillarità crescente, si riesce a fornire le migliori prestazioni proprio lì dove servono. Quando si sceglie un router per giocare, quindi, bisogna sempre valutare la flessibilità del software e la disponibilità di opzioni per il QoS.

Inoltre i router moderni utilizzano un metodo chiamato MU-MIMO che ottimizza la distribuzione del segnale. Con questo acronimo si intende Multi-User, Multiple Input, Multiple Output, un tipo di rete per la quale il router suddivide la larghezza di banda disponibile in flussi separati che accedono alle risorse della rete equamente e le distribuiscono ai terminali in maniera simultanea e ottimizzata. MU-MIMO, in questo modo, consente di inviare e ricevere più di un segnale dati contemporaneamente sulla stessa frequenza radio.

Questo concetto è molto importante per il gaming per le questioni relative alla stabilità, parametro cruciale almeno quanto la latenza, se non di più. In altri termini, non abbiamo solamente bisogno di raggiungere il più rapidamente possibile i server di gioco, ma anche che non ci siano “lag spike”, ovvero discontinuità nel servizio che possano rendere l’esperienza di gioco disomogenea. Se il router dispone di tecnologia MU-MIMO è in grado di inviare ancora i dati alla postazione di gioco pur in quei momenti in cui un altro dispositivo WiFi nella casa richiede delle risorse di rete. In quest’ultimo caso, infatti, quest’ultimo potrebbe provocare un momentaneo, ma molto problematico, degrado prestazionale per la postazione di gioco.

Pertanto, diventa molto importante il numero di antenne che il router utilizza per la trasmissione dei dati. Solitamente le migliori connessioni Wi-Fi sono quelle di tipo MU-MIMO 4×4, considerando che anche il client deve supportare questo tipo di tecnologia su quattro antenne. Se, per esempio, fosse un MIMO 1×1, infatti, sfrutterebbe solamente un quarto della capacità di banda che il router riesce a gestire.

asus_tuf_gaming_ax5400.jpg

ASUS ROG STRIX GS-AX5400 è uno dei più complessi e potenti router gaming proposti da ASUS al pubblico dei videogiocatori più appassionati. Basato su tecnologia WiFi 6, è in grado di mettere a disposizione una bandwidth massima sino a 5.400Mbps, grazie alla possibilità di gestire connessione 4×4 con banda 5GHz su canale a 160MHz. Le 4 antenne orientabili antenne assicurano una copertura capillare dell’ambiente domestico, anche se molto grande, e grazie alla porta gaming dedicata il router assicura la latenza più contenuta. Grazie a VPN Fusion è possibile configurare un funzionamento doppio che preveda per alcuni servizi una VPN, lasciando il gaming con un tradizionale accesso web in modo da massimizzare le prestazioni complessive. Prevede il supporto alla tecnologia ASUS AiMesh per creare una rete mesh flessibile e senza soluzione di continuità per tutta la casa con router compatibili AiMesh. Per quanto riguarda la sicurezza, invece, Instant Guard protegge le connessioni WiFi pubbliche con un solo clic.

asus_rt_ax92u.jpg

RT-AX92U è una proposta router gaming di ASUS più accessibile, ma non per questo meno sofisticata. Sempre basato su connettività WiFI 6, raggiunge una bandwidth di 4.800Mbps quale massimo teorico grazie al segnale 4×4 su 2 bande a 5GHz e con AiProtection Pro gestisce la sicurezza degli accessi da minacce esterne. E’ inoltre dotato di tecnologia AiMesh, che facilita la creazione di una rete Mesh ideale per meglio coprire con il segnale WiFi una abitazione di dimensioni elevate.

ROG Rapture GT-AX11000 è la soluzione più completa per il giocatore, anche se ci si sposta su una fascia di prezzo superiore. Si tratta di un router Tri-band WiFi 6 (802.11ax) capace di raggiunge un throughput di ben 11000 Mbps. Il networking Tri-band consente di dedicare una sola banda da 5 GHz al solo gaming, in modo da evitare di competere per la larghezza di banda con altri dispositivi sulla rete domestica. Con la selezione dinamica della frequenza (DFS), ROG Rapture GT-AX11000 sblocca anche 15 canali nelle bande a 5GHz meno congestionate, fornendo una maggiore larghezza di banda per tutti i dispositivi wireless. Da segnalare la presenza delle opzioni di port forwarding e di Target Wake Time (TWT). Il primo consente ai giocatori di gestire in semplice l’Open NAT, mentre il secondo di pianificare intervalli designati per i dispositivi per la trasmissione dei dati. Ciò consente loro di essere in sleep quando non è necessario il segnale del router, riducendo il consumo energetico fino a 7 volte per una maggiore durata della batteria.

Scenario d’uso: la casa su più piani

In un’abitazione che si sviluppa su due o tre piani, come la tipica villetta a schiera, è possibile che il segnale proveniente dal router incontri ostacoli naturali che ne riducano la copertura nei piani diversi rispetto a quello nel quale viene installato. Se non è possibile collegare con un cavo ethernet i vari piani della casa, una soluzione molto pratica che può essere adottata è quella di installare un router Mesh dotato di uno o più satelliti.

ai_mesh_asus.jpg

Questa configurazione vede l’abbinamento di un router principale, collegato alla connessione internet domestica, al quale sono abbinati uno o più satelliti. Il collegamento attraverso una rete Mesh sfrutta un segnale a 5GHz dedicato, indipendente da quello utilizzato dalle varie periferiche presenti nella rete locale, che collega il router ai satelliti. In questo modo la banda di trasmissione tra router e satelliti è dedicata, non condivisa quindi tra i satelliti e le varie periferiche così da massimizzare la velocità di connessione.

Il passaggio da un piano all’altro è gestito in modo automatico dal router: la periferica segue il collegamento più forte, agganciandosi al router o ai satelliti a seconda del piano nel quale sia in funzione. La rete WiFi visibile è sempre la stessa, con nome di rete e credenziali che non cambiano: non è quindi necessario cambiare la rete spostandosi da un piano all’altro e il collegamento avviene automaticamente alle migliori condizioni.

Una rete Mesh è la soluzione tecnica preferibile per quei contesti nei quali si ricerca la massima qualità del segnale possibile, con un ampio numero di periferiche contemporaneamente collegate alla rete e con una superficie complessiva che si sviluppa su più piani.

asus_zenwifi_xd6.jpg

Per le abitazioni di più grande superficie ASUS propone il kit Mesh ZenWiFi XD6, composto da router abbinato a un satellite. Basato su tecnologia WiFi 6, grazie ad AiMesh viene configurato nell’ambiente domestico in modo molto semplice anche da parte dell’utente poco esperto rendendo accessibili anche le opzioni più avanzate di cui è capace.

asus_zenwifi_ax_mini_1.jpg

Una seconda alternativa è rappresentata dal modello ZenWiFi AX Mini (XD4), adatto sempre ad abitazioni dalla superficie notevole e che vede un router affiancato da 2 satelliti così da garantire un posizionamento ancora più preciso nell’ambiente domestico. Anche questo kit è WiFi 6 e integra, accanto alla tecnologia AiMesh, quella AiProtection Pro che ottimizza il funzionamento proteggendo l’infrastruttura di rete da attacchi esterni potenzialmente dannosi.

Scenario d’uso: il piccolo appartamento

In un piccolo appartamento il segnale generato da un router WiFi è tipicamente più che adeguato a garantire una copertura capillare, a condizione che le antenne siano correttamente posizionate. La scelta di un modello di router che non sia quello di serie fornito dal fornitore di connettività internet è legata in questo caso alla maggiore facilità di configurazione e personalizzazione data da un prodotto specifico, oltre all’accesso ad una serie di opzioni di sicurezza avanzate che permettono di limitare numero di periferiche e orario di collegamento o di prevenire attacchi esterni ai nostri dispositivi.

rt_ax58u.jpg

ASUS RT-AX58U è un router WiFi 6 con supporto alle tecnologie MU-MIMO e OFDMA, capace di abbinare non solo una bandwidth combinata di circa 3.000Mbps ma anche le funzioni avanzate di configurazione come AiMesh e AiProtection Pro, che grazie all’intelligenza artificiale permettono di configurare in modo rapido il funzionamento di una eventuale rete Mesh, oltre a gestire per noi tutte le policy di sicurezza evitando potenziali danni provenienti dall’esterno.

Scenario d’uso: quella stanza dove il WiFi non prende bene

Non serve un appartamento di grandi dimensioni per raggiungere i limiti della copertura WiFi data da un router; in alcuni casi la conformazione dei locali, unita a barriere naturali date da spesse pareti, può portare ad avere una copertura insufficiente in uno o più locali. Questo si verifica più facilmente quando il router non può essere montato al centro dell’appartamento ma deve essere relegato ad esempio accanto alla porta d’ingresso, dove tipicamente è presente la presa telefonica: le stanze fisicamente più lontane saranno quelle dove il segnale arriverà più debolmente.

In questo caso è possibile ricorrere ad una rete Mesh come quella suggerita per la villetta a schiera o le case con elevata estensione della superficie, ma quale alternativa un semplice repeater WiFi può benissimo superare questa limitazione. La sua installazione dovrà avvenire in prossimità della parte di casa che è mal coperta dal segnale del router principale, con l’accortezza che il suo posizionamento sia anche tale da assicurare un buon collegamento al router così da evitare che il collo di bottiglia diventi proprio il segnale tra router e repeater.

asus_rp-ax56.jpg

RP-AX56 è il range extender compatto basato su tecnologia WiFi 6 proposto da ASUS, pensato per migliorare la copertura del segnale WiFi in specifici ambienti della casa dove il segnale proveniente dal router principale fatica a giungere a destinazione. Unisce la compattezza alla facilità nell’installazione: è sufficiente premere il pulsante WPS per interfacciarlo con il router e fare così in modo che funzioni immediatamente. Configurabile rapidamente da APP mobile, permette di raggiungere una velocità di rete totale di 1.800 Mbps quale picco e può essere utilizzato con qualsiasi router WiFi in commercio per estenderne la copertura di segnale in modo pratico e veloce.

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.