iPad Pro con M1: i benchmark fanno paura! Oltre il 50% più veloce del precedente

Another ICT Guy

iPad Pro con M1: i benchmark fanno paura! Oltre il 50% più veloce del precedente

I nuovi iPad Pro in arrivo nelle prossime settimane e presentati durante lo scorso keynote ”Spring Loaded” non sono ancora stati consegnati agli utenti ma fanno già parlare e molto sui risultati che stanno ottenendo nei primi benchmark rispetto a quelli degli anni passati. Sappiamo bene che la differenza con quelli della generazione precedente riguarda il posizionamento del nuovo chip M1 creato e realizzato direttamente da Apple e che per la prima volta viene utilizzato in un iPad e non in un Mac. Questo cosa comporta? Una velocità sul campo di almeno il 50% rispetto a prima.

iPad Pro M1: i risultati dei benchmark sono incredibili

I risultati arrivano direttamente sulla piattaforma di Geekbench 5 che da sempre svela in anteprima i risultati delle prove sul campo anche di nuovi prodotti ancora non usciti ma già in prova. Ed ecco dunque che appaiono i nuovi iPad Pro M1 da 12,9 pollici pronti a permettere di capire effettivamente quanto siano potenti rispetto alla generazione precedente. I risultati sono davvero impressionanti anche e soprattutto equiparandoli ai Mac e non solo agli iPad del passato.

iPad Pro M1 infatti totalizza un punteggio di 1.718 in single core e di 7.284 in multi core. Quanto aveva totalizzato iPad Pro della precedente generazione con chip Apple A12Z? In single core aveva realizzato un punteggio di 1.121 e in multi core invece di 4.656. Praticamente, numeri alla mano, il risultato del nuovo iPad Pro con M1 premia lo stesso con una velocità superiore del 56% rispetto alla precedente generazione. Per quanto riguarda le performance grafiche, l’iPad Pro con M1 evidenzia un punteggio nei test Metal di 20.578 e questo significa che raggiunge una velocità fino al 71% superiore rispetto a quella che si ottiene con il processore A12Z del precedente iPad, valore superiore alle indicazioni Apple.

E rispetto ai Mac? Quello che rende incredibile il nuovo iPad Pro è proprio nel confronto con i laptop di Apple che addirittura in alcuni casi non riescono a superare il nuovo tablet della mela morsicata. Ecco i numeri:

  • MacBook Air M1: 7.378
  • iPad Pro M1: 7.284
  • MacBook Pro Core i9 16 “: 6.845
  • IPad Pro A12Z: 4.656

I risultati dei benchmark rivelano che l’iPad Pro M1 ha prestazioni praticamente identiche a quelle dei Mac sempre con M1 rilasciati lo scorso autunno. E parliamo di MacBook Air M1, ad esempio, che totalizza punteggi medi single-core e multi-core rispettivamente di 1.701 e 7.378. Impressionante il fatto che il nuovo iPad Pro M1 sia addirittura più veloce di un MacBook Pro da 16 pollici al massimo delle sue configurazione ossia con un processore Intel Core i9, il quale raggiunge punteggi medi single-core e multi-core rispettivamente di 1.091 e 6.845. Insomma sembra proprio che il nuovo iPad Pro M1 sia pronto a fare la storia dei tablet del futuro.

Ricordiamo che il nuovo Apple iPad Pro è un prodotto pensato non solo per chi cerca un tablet evoluto, ma anche per chi lavora e che vuole avere tutti gli strumenti e la potenza di calcolo necessaria per i diversi compiti. E questo è uno degli aspetti più di successo di questa linea di prodotti. Viene inserito il processore M1 che assicura prestazioni elevate in tutti gli ambiti. Durante la presentazione, il confronto è stato fatto con il primo iPad mostrando numeri eclatanti: la CPU è 75 volte più performante (50 volte più veloce di A12Z Bionic) mentre nell’ultimo modello rispetto al primo mentre la GPU è addirittura 1500 volte più prestazionale. Ci sono ovviamente due versioni in termini di dimensioni legate allo schermo frontale con diagonali pari a 11″ 12,9″. La versione più grande può contare sul nuovo display Liquid Retina XDR che promette un’esperienza di livello professionale. Non a caso è stata utilizzata la tecnologia degli schermi Pro Display XDR. E molto altro ancora. Ecco i modelli su Amazon.

   Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *