Banca Europea per gli Investimenti finanzia OVHcloud con 200 milioni

Another ICT Guy

Banca Europea per gli Investimenti finanzia OVHcloud con 200 milioni

Si parla sempre più spesso di iniziative per un cloud europeo, un’infrastruttura che permetta a governi e imprese di sfruttare il potenziale del cloud senza dover “cedere” il controllo delle proprie informazioni ad aziende extra-UE, come i soliti Google, AWS, Azure. Il problema è che attualmente non ci sono realtà in grado di competere con gli hyperscaler, soprattutto per quanto riguarda le risorse economiche. 

L’Europa, però, sta facendo la sua parte e tramite la BEI, la Bance Europea per gli Investimenti, ha concesso a OVHcloud un finanziamento da 200 milioni di euro. Un investimento in linea con gli obiettivi dell’UE, che punta a una maggiore autonomia sotto il profilo tecnologico. 

Il cloud è l’elemento fondamentale per la digitalizzazione di tutti gli aspetti della nostra vita economica e sociale”, spiega Ambroise Fayolle, Vicepresidente della BEI. “Contribuendo al finanziamento dei player più innovativi d’Europa, la BEI risponde perfettamente a quelle che sono le priorità politiche europee: aumentare la nostra competitività e promuovere la nostra sovranità tecnologica. Questo prestito di 200 milioni di euro al leader europeo del settore è una chiara dimostrazione dell’impegno che l’Europa sta profondendo nel mettere le competenze digitali al servizio della nostra autonomia strategica”.

Sostenibilità, brevetti e nuovi server: ecco come OVHcloud utilizzerà il finanziamento

ovhcloudserver

Il finanziamento di BEI verrà sfruttato da OVHcloud per potenziare tre ambiti: accelerare le operazioni di ricerca e sviluppo e del modello industriale, potenziando anche l’infrastruttura con nuovi server; introdurre nuovi servizi, fra cui storage e sicurezza; accelerare la produzione di brevetti.

Oltre a questo, OVHcloud ha annunciato l’intenzione di rendere le sue infrastrutture più sostenibili. Grazie al prestito della BEI, il provider punterà a potenziare l’efficienza energetica, portando il PUE a un valore compreso fra 1,1 e 1,3 (la media globale è PUE 1,57) e riducendo i consumi idrici. 

L’obiettivo è quello di sfruttare solo energia a basso contenuto di carbonio entro il 2025, raggiungendo le zero emissioni per quanto riguarda Scope 1 e Scope 2, cioè emissioni dirette e quelle relativa all’elettricità acquistata. Entro il 2030, OVHcloud punta ad azzerare anche le emissioni di Scope 3, quelle lungo la catena del valore. 

Che si tratti di software o hardware, l’innovazione è al centro del DNA della nostra azienda e guida ogni singola azione in nome di un approccio sostenibile, aperto e trasparente” ha dichiarato Michel Paulin, CEO di OVHcloud. “Questo ulteriore margine finanziario offerto dalla BEI è un contributo alla roadmap strategica del Gruppo e ci permetterà di promuovere un cloud che rispetti i nostri valori europei in modo più rapido, più elevato e più forte”.

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *