Artemis I: inizia il test del grande razzo spaziale NASA SLS per le missioni verso la Luna

Another ICT Guy

Artemis I: inizia il test del grande razzo spaziale NASA SLS per le missioni verso la Luna

Anche se è il primo aprile, questo non è uno scherzo: finalmente ci siamo! Siamo all’inizio di uno degli ultimi test che permetterà al razzo spaziale NASA SLS (Space Launch System) di essere validato per il lancio che potrebbe avvenire entro la metà dell’anno. Dopo diversi ritardi siamo veramente vicini a vedere uno dei progetti che riporterà l’essere umano sulla Luna, spiccare il volo.

Nella seconda metà di marzo il grande mezzo cingolato Crawler Transporter-2 aveva trasportato la torre di lancio Mobile Launcher e il grande razzo verso la rampa di lancio Launch Pad 39B al Kennedy Space Center in Florida. Ci sono state poi le prime fasi di analisi e controllo prima di procedere al tanto atteso wet dress rehearsal (WDR). Questo test simula il conto alla rovescia prima del lancio e anche una possibile cancellazione dello stesso. L’ultimo passaggio prima del lancio vero e proprio.

NASA SLS: inizia il test wet dress rehearsal, lancio per metà 2022?

Secondo la timeline ufficiale quando mancavano poco meno di 46 ore i team di controllo e gestione sono arrivati alle rispettive postazioni. Quando mancavano 45 ore è stato riempito il serbatoio d’acqua che serve per il sistema di soppressione del rumore mentre a 41 ore dal test la navicella Orion posizionata sulla sommità di NASA SLS è stata accesa. A -35 ore invece è stato lo stadio centrale del razzo a essere acceso.

nasa sls

A -30,5 ore c’è stata la preparazione finale dei quattro motori RS-25 (utilizzati in precedenza sull’orbiter dello Space Shuttle). Ricordiamo che il wet dress rehearsal non prevede l’accensione dei motori, questi però sono stati provati in precedenza durante l’hot fire test tenutosi poco più di un anno fa. Quando mancavano 21 ore invece i deflettori di fiamma sono stati portati in posizione.

NASA SLS: il test vero e vero inizierà dal 3 aprile

Il 3 aprile alle ore 7:30 (in Italia) quando mancheranno 12 ore e 50 minuti al test vero e proprio l’interim cryogenic propulsion stage (ICPS), ossia lo stadio superiore, sarà acceso. Le persone non essenziali si allontaneranno dal Launch Complex 39B quando mancheranno 12 ore. A 8 ore e 40 minuti inizierà un conto alla rovescia che si fermerà quando mancheranno 1,5 ore. Ci sarà una riunione dei dirigenti deputati a controllare il meteo e i serbatoi (-8 ore e 20 minuti).

Uno dei momenti “critici” sarà quando i direttori di lancio e missione decideranno se NASA SLS è pronto a essere rifornito. Ci sarà quindi la scelta “go” o “no-go”, a quel punto mancheranno 7 ore e 50 minuti. Alle 13:20 (ora italiana) inizierà il raffreddamento del serbatoio dell’ossigeno liquido dello stadio principale per poi passare al suo riempimento lento (-6 ore e 25 minuti) e a flusso maggiore (-6 ore e 10 minuti). Alle 14:35 verrà raffreddato il serbatoio dell’idrogeno liquido per poi procedere al riempimento lento e successivamente a flusso più elevato (-5 ore e 40 minuti).

space launch system

Quando mancheranno 4 ore e 25 minuti il serbatoio dell’idrogeno liquido dell’ICPS sarà raffreddato mentre a 4 ore e 20 minuti il sistema di comunicazione della capsula Orion sarà attivato. Un’ora dopo ci sarà il raffreddamento del serbatoio dell’ossigeno liquido dell’ICPS mentre cinque minuti dopo si verificheranno la mancanza di rotture nel serbatoio dell’idrogeno liquido. A tre ore dal test ci sarà la verifica della telemetria di NASA SLS e ICPS. Quando mancheranno due ore ci saranno ulteriori test per quanto riguarda i propellenti criogenici specifici per il WDR.

Alle 20:00 (ora italiana) ci sarà l’inizio del conto alla rovescia da 30 minuti. 25 minuti dopo ci sarà un’ultima verifica da parte di tutte le squadre coinvolte per assicurare che il lancio (o il test) possa avvenire correttamente. Si comincia con il vero e proprio WDR Run 1. A 6 minuti i razzi del sistema di sicurezza di Orion saranno armati e la capsula passerà al sistema di alimentazione interno. Il serbatoio dell’idrogeno liquido dello stadio centrale sarà riempito e a 4 minuti sarà attivata l’alimentazione ausiliaria. Sarà anche completato il riempimento del serbatoio dell’ossigeno liquido. 30 secondi dopo sarà riempito il serbatoio dell’ossigeno dell’ICPS. Sia ICPS che stadio centrale saranno alimentati dalle batterie integrate mentre il primo inizierà il countdown. A 50 secondi ci sarà il completamento del riempimento del serbatoio dell’idrogeno di ICPS. A -33″ dal lancio sarà inviato il comando di blocco.

La fase finale del test, si ricomincia da 10 minuti

A questo punto il conto alla rovescia tornerà a -10 minuti. Questo passaggio serve per capire se i sistemi, in caso di anomalia, possono tornare a funzionare. Ci vorrà circa un’ora da quando il test verrà interrotto a quando si potrà procedere al nuovo conto alla rovescia per il lancio (o in questo caso, il test) di NASA SLS.

nasa sls

Si riprenderà quindi dal riarmare i razzi della capsula Orion. A quel punto si procederà come nel precedente test ma a -33″ ci sarà il “go” per l’inizio della sequenza di lancio automatizzata. I computer dello stadio principale del razzo inizierà il conto alla rovescia che terminerà, volontariamente, a -9,34″. Se non si trattasse di un test, poco dopo vedremmo accendersi i quattro motori RS-25 e i due booster laterali, ma questo sarà un evento che ci riserveremo probabilmente per giugno 2022 quando sarà lanciato il primo razzo NASA SLS e la missione Artemis I (senza equipaggio). Nel caso del WDR il razzo sarà poi svuotato dai propellenti e riportato all’interno del VAB per gli ultimi controlli. La Luna sembra comunque sempre più vicina.

Idee regalo,
perché perdere tempo e rischiare di sbagliare?

REGALA
UN BUONO AMAZON
!

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.