Instagram espande la funzione per taggare prodotti nei post

Another ICT Guy

Instagram espande la funzione per taggare prodotti nei post

(ANSA) – MILANO, 23 MAR – Instagram ha deciso di aprire a
tutti la funzione per taggare nei post prodotti commerciali. Ad
oggi, l’opzione era attiva solo per profili registrati come
aziende, influencer o creator. Si parte dagli Stati Uniti, dove
secondo il social network parte del gruppo Meta, sono già 1,6
milioni gli utenti che usano il tagging a fini di
sponsorizzazione in foto e video. La piattaforma ha lanciato per
la prima volta i tag dei prodotti nelle foto nel 2016,
supportando successivamente le menzioni nei video e nelle
storie, così come nei Reels. Visto che l’esperienza di acquisto
sul social ha continuato ad evolversi, la piattaforma ha
aggiunto una funzione di pagamento nativa che consente di
acquistare prodotti direttamente dai tag. Per taggare un
prodotto, gli utenti negli Stati Uniti devono prima creare un
post tradizionale, applicare l’eventuale filtro e aver apportato
le modifiche. Successivamente, comparirà una pagina dove poter
inserire il tag del marchio, nella stessa casella usata per
inserire tag degli utenti. A quel punto, il contenuto
permetterà, quando visualizzato dagli altri, di cliccare sulla
menzione e dirigersi direttamente sulla pagina di acquisto,
gestita dal brand scelto. La portavoce di Meta, Anne Yeh, ha
dichiarato a The Verge che gli influencer non riceveranno alcuna
percentuale da eventuali acquisti effettuati tramite i tag dei
prodotti nei loro post, ma la piattaforma sta testando un
programma di affiliazione con creatori selezionati che consente
loro di guadagnare una commissione tramite le menzioni.
    Instagram, negli Usa, conta 1,6 milioni di persone che taggano
almeno un prodotto a settimana nei contenuti. Stando agli
esperti, l’espansione della funzionalità all’intera base di
iscritti, che secondo le ultime stime è di 2 miliardi, aiuterà a
dare ulteriore visibilità ai brand, tramite post non
sponsorizzati, di fatto per i marchi, gratuiti. (ANSA).
   

https://www.carlomauri.net

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.