Apple M1 Ultra visto da vicino: tre volte più grande delle CPU di Intel e AMD

Another ICT Guy

Apple M1 Ultra visto da vicino: tre volte più grande delle CPU di Intel e AMD

Com’è fatto un processore M1 Ultra di Apple? I primi “teardown” del Mac Studio ci permettono di scoprire maggiori dettagli del computer per content creator della Mela e le novità al suo interno. Al centro della motherboard non può che spiccare il processore M1 Ultra, ottenuto da Apple unendo insieme due M1 Max.

Quella che vediamo è l’estensione del package, in grado di occupare circa un quarto della motherboard, su cui sono presenti anche un complesso VRM per alimentare al meglio le due anime del microprocessore e due slot SSD accessibili dall’utente (ma non per questo sostituibili).

Sotto all’heatspreader del processore trovano spazio oltre alle due CPU e GPU degli M1 Max, funzionanti come un unico chip grazie all’interconnessione UltraFusion da 2,5 TB/s, anche la memoria unificata (fino a 128 GB): è per questo motivo che il processore raggiunge una dimensione decisamente importante. Come si può vedere, M1 Ultra è circa tre volte più grande di un processore Ryzen.

Dimensioni di questo tipo, malgrado la produzione a 5 nanometri di TSMC, richiedono un sistema di raffreddamento di notevoli dimensioni (e di conseguenza più pesante), in questo caso dotato di una doppia ventola.

Aprire il Mac Studio non è molto complicato, basta rimuovere l’anello in gomma sul fondo, svitare le viti e staccare la base. Una volta rimossa la base, si vede immediatamente la parte inferiore dell’alimentatore, oltre agli slot dedicati agli SSD. Le unità destinate al Mac Studio adottano un form factor proprietario (il controller è all’interno del SoC), quindi seppur accessibili non sono attualmente sostituibili.

Apple afferma che le unità non sono aggiornabili dall’utente: non è chiaro se in futuro consentirà ai partner autorizzati di offrire servizi di aggiornamento degli SSD oppure se permetterà ad altre aziende di produrre unità con un form factor appropriato.

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.