vivo Y76 5G: smartphone 5G elegante per tutte le tasche. La nostra recensione

Another ICT Guy

vivo Y76 5G: smartphone 5G elegante per tutte le tasche. La nostra recensione

vivo è il marchio di smartphone più venduto sul mercato cinese e ha conquistato il quinto posto a livello globale. Per farlo ha una gamma prodotti molto ampia, che spazia su tutte le categorie, dagli entry level ai top di gamma. Presente sul mercato italiano da poco più di un anno, per il territorio italiano (ed europeo in genere) il brand ha fatto uno scelta ragionata, decidendo di proporre solo alcuni modelli selezionati, quelli con le caratteristiche in grado di entrare in sintonia con il pubblico nostrano.

vivo Y76 5G recensione

L’operazione si rinnova con il nuovo vivo Y76 5G, che è sbarcato sul nostro mercato in questi giorni. Il motto di questo smartphone è ‘Value for Money‘ e il suo mix di caratteristiche è pensato per attirare da un lato gli sguardi senza però prosciugare il portafoglio dall’altro.

vivo Y76 5G: ecco la videorecensione

[HWUVIDEO=”3224″]vivo Y76 5G: smartphone 5G elegante per tutte le tasche[/HWUVIDEO]

7,79 millimetri di spessore: uno smartphone ‘per tutte le tasche’

vivo Y76 5G recensione

vivo sta puntando sul mercato europeo su dei terminali dal design essenziale e lineare, con un aspetto a volte un po’ serioso, ma certamente anche più elegante di alcuni telefonini sgargianti e sbarazzini. Anche Y75 5G sposa questa linea e si presenta con design pulito, caratterizzato da una finitura posteriore lucida, con effetto visivo satinato. In linea con il family feeling, il blocco fotocamere è integrato in un doppio scalino dalla forma squadrata, che ha permesso di mantenere lo spessore del corpo limitato a 7,79 millimetri.

vivo Y76 5G recensione

Il blocco fotocamere è quello su cui vivo ha concentrato buona parte dei suoi sforzi, integrando un modulo principale da 50 megapixel basato su sensore Samsung JN1 in formato 1/2,76″ costruito con tecnologia Enhanced ISOCELL 2.0, e con funzioni come Smart-ISO e Double Super PDAF. Su questa risoluzione il sensore è tra i più apprezzati al momento e mette a disposizione la struttura Tetrapixel (o Quad-Bayer) che viene gestita accorpando pixel adiacenti dello stesso colore, e scattando a 12,5 megapixel, in quelle condizioni in cui è necessario massimizzare la cattura di luce e invece ricostruendo una tradizionale matrice Bayer, quando invece interessa la massima risoluzione.

La fotocamera fa il suo lavoro e il sensore da 50 megapixel mette a disposizione uno zoom digitale 2x senza perdita di dettaglio. Anche in condizioni di scarsa illuminazione le prestazioni sono buone. Il comparto fotografico è completato da una dotazione base costituita da due moduli (Macro e per gli effetti come lo sfocato) da 2 megapixel. La fotocamera frontale sfrutta un modulo da 16 megapixel.

Ricarica veloce a 44W

vivo Y76 5G recensione

Altro settore in cui i tecnici vivo hanno concentrato la propria attenzione è quello della batteria. Il compromesso che è stato scelto per mantenere alta la ‘tascabilità’ dello smartphone (7,79 millimetri e 175 grammi di peso) è stato quello di adottare una batteria da 4.100 mAh, ma di dotare lo smartphone di supporto alla ricarica rapida FlashCharge a 44W, per la prima volta in Italia.

vivo Y76 5G recensione

Messa alla prova, la ricarica rapida ci ha permesso di caricare la batteria in 10 minuti dal 17% a 43% e di arrivare con altri 10 minuti al 66% di carica. Si tratta di dati in linea con quanto dichiarato dal produttore, che attesta che in 32 minuti di ricarica è possibile passare da 0 al 70%. Il tempo di rientrare in casa, fare un doccia e prepararsi per uscire di nuovo. Rispetto alla FlashCharge a 33W integrata nel top di gamma X60 Pro, la versione a 44W dà realmente l’impressione di essere più veloce, anche se non arriva all’effetto ‘Wow’ delle ricariche offerte dalla concorrenza a 65 e più Watt.

vivo Y76 5G recensione

vivo Y76 5G sfrutta un chipset con processore MediaTek Dimensity 700 7nm 5G, supportato da 8 GB di RAM LPDDR4x. Come già visto su altri terminali, il SoC Mediatek Dimensity 700 a 7nm è capace di offrire prestazioni di buon livello mantenendo un consumo energetico più basso rispetto alla media dei processori di pari fascia. Anche per questo motivo i tecnici hanno potuto optare per un accumulatore interno da ‘soli’ 4.100 mAh. Il chipset integra un modem 5G e troviamo il supporto Dual Standby 5G, anche se è implementato con la soluzione ibrida SIM+SIM/MicroSD, che costringe a scegliere tra l’espansione di memoria e la seconda SIM. La memoria di storage è comunque sufficiente per le normali esigenze con 128 GB di tipo UFS2.2. Il display è di tipo LCD IN-CELL FHD+ 2400×1080 da 6,58″ in formato 20:9. Il sensore di impronte digitali è integrato nel pulsante laterale di accensione. Il sistema operativo è Funtouch OS 12, al momento basato su Android 11, ma con l’aggiornamento ad Android 12 già in roadmap.

vivo Y76 5G recensione

Rispetto al modello precedente, abbiamo diversi punti in comune, come display e SoC, ma i miglioramenti sono netti sotto diversi punti di vista. La fotocamera da 50 megapixel offre una qualità migliore rispetto al modulo da 64 megapixel di Y72 5G e la potenza della ricarica passa da 18 a 44 Watt, senza modifiche al prezzo di listino

Prezzo e disponibilità

vivo Y76 5G recensione

A partire dalla prima settimana di marzo, vivo Y76 5G è disponibile al prezzo di 329 € nelle colorazioni Cosmic Aurora e Midnight Space nei principali retailer di elettronica e negli store TIM e Wind3, con una diffusione in ambito retail di più di 2.100 punti vendita.

Su questa fascia la concorrenza è agguerrita, ma certamente le caratteristiche di vivo Y76 sono in grado di attirare lo sguardo di alcuni utenti: tra essi quelli che cercano un’estetica elegante, ma soprattutto uno spessore ridotto, e quelli che conoscono le capacità del sensore Samsung JN1.

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *