Gran Turismo 7: le microtransazioni ci sono, e sono decisamente costose

Another ICT Guy

Gran Turismo 7: le microtransazioni ci sono, e sono decisamente costose

Gran Turismo 7 contempla un meccanismo di microtransazioni che permette di acquistare crediti virtuali in cambio di denaro reale. Gli acquisti in-game erano presenti anche nel gioco precedente di Polyphony Digital, GT Sport, ma erano limitati all’acquisto della singola auto. In GT 7, invece, si possono spendere soldi veri per accumulare crediti.

Gran Turismo 7: come funzionano le microtransazioni

Con la carriera single player molto lunga, serve giocare molto per poter guadagnare i crediti necessari ad acquistare le auto più performanti e rare. Inoltre, i crediti spesso vanno spesi per poter potenziare le auto ed essere competitivi nelle gare più ardue. Motivo per cui il sistema di microtransazioni pensato da Polyphony spinge i giocatori a spendere per facilitarsi le cose.

Gran Turismo 7

Si possono spendere, infatti, dai 2,49 euro per 100 mila crediti fino a 19,99 euro per 2 milioni di crediti. Con questo ammontare di crediti si possono comprare auto decisamente performanti, ma bisogna considerare che si tratterebbe di cifre che si spendono parallelamente all’acquisto del gioco.

Con i prossimi aggiornamenti, Sony e Polyphony potrebbero aggiungere auto molto più costose, fino a 20 milioni di crediti, come riferito in un precedente evento State of Play. 20 milioni di crediti equivalgono a 199,90 euro in microtransazioni.

Con oltre 420 auto disponibili in Brand Central e nel concessionario di auto usate fin dal primo giorno, Gran Turismo 7 ricrea l’aspetto e le sensazioni di guida di auto classiche e moderne supercar. Ogni auto si comporta diversamente sugli oltre 90 tracciati, inclusi alcuni circuiti classici della storia di GT, con condizioni climatiche dinamiche. Ne abbiamo parlato nella recensione di Gran Turismo 7.

Nel frattempo, in seguito all’invasione dell’Ucraina da parte della Russia, Sony ha deciso di rimuovere Gran Turismo 7 dal PlayStation Store russo. Questa mossa potrebbe essere il preludio di un blocco generale delle vendite dei titoli PlayStation in Russia.

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.