Il miliardario ‘cattivo’ di Don’t Look Up è basato su Elon Musk: lo conferma un attore

Another ICT Guy

Il miliardario ‘cattivo’ di Don’t Look Up è basato su Elon Musk: lo conferma un attore

Interpretato magistralmente da attori come Leonardo DiCaprio e Jennifer Lawrence, Don’t Look Up è stato uno dei film più discussi degli ultimi mesi: il lungometraggio di Adam McKay è stato il più visto in Italia nel periodo natalizio, ed è il secondo film più visto di sempre su Netflix. Fra i motivi del successo: un messaggio attuale, una satira pungente e dei personaggi grotteschi quanto reali. Fra questi spaventa il miliardario Peter Isherwell, interpretato da Mark Rylance, antagonista del Dr. Randall Mindy portato sullo schermo da DiCaprio.

Rylance ha interpretato lo stereotipo dell’imprenditore miliardario del mondo tecnologico, capace di portarci alla memoria amministratori delegati che sono destinati a rimanere nella storia del settore. Isherwell somiglia parecchio a Steve Jobs, Mark Zuckerberg, Jeff Bezos ma, più di tutti somiglia a Elon Musk per via del suo interesse nello spazio e la sua ossessione per la colonizzazione di corpi celesti esterni alla Terra. Lo stesso Rylance ha confermato in un’intervista con The Hollywood Reporter che il suo personaggio è basato proprio su SpaceX e sul suo CEO, per l’appunto Elon Musk.

Il “cattivo” di Don’t Look Up è un personaggio basato su Elon Musk

Secondo l’attore, personaggi come Elon Musk svolgono le loro attività pensando di fare del bene ed è proprio questo che li rende pericolosi, proprio come Isherwell in Don’t Look Up. Durante l’intervista l’attore ha detto: “Ho spesso osservato tutti questi ragazzi. Forse avrei dovuto scegliere quell’ambito più californiano e high-tech, ma ho optato per qualcosa di leggermente diverso. Però ho sicuramente molto pensato sul fatto che gli uomini e la tecnologia possano essere la cosa più grande dell’universo, che non esista una forza maggiore e che riusciremo a rispondere a qualsiasi sfida che ci lancia la natura”. Di fatto, nel film, persino diCaprio inizia a cedere all’aspetto più puramente materiale del suo successo.

Rylance ha poi continuato: “[Gli imprenditori] pensano spesso che fanno del bene, e nel film c’è quella scena in cui Isherwell si arrabbia quando il personaggio di Leonardo pensa che sia solo un uomo d’affari. Queste persone hanno idee molto elevate su ciò che fanno e non pensano di essere persone cattive; tutto il contrario”. L’attore ha infine tuonato contro il CEO di SpaceX: “Fa la stessa impressione Elon Musk. Loro pensano che salveranno l’umanità, io penso che siano pericolosi“, le sue parole.

Nel film, Isherwell è un uomo d’affari talmente importante da avere influenza anche sulle decisioni intraprese dal Presidente degli Stati Uniti, anche quando l’unica strategia possibile è legata all’uso di tecnologie sperimentali. Il finale [attenzione: spoiler], decisamente crudo e grottesco, è frutto di una serie di avvenimenti causati dalla stessa arroganza del miliardario.

Don’t Look Up è comunque una commedia e non vuole rappresentare la realtà in tutte le sue sfaccettature. Se da una parte Isherwell rappresenta a nostro avviso molto bene Musk (e altri CEO del mondo tech) in superficie, dall’altra parte in profondità individui come Musk contribuiscono all’evoluzione della tecnologia grazie alle loro idee visionarie. Oltre alle ambizioni (che lo stesso Musk ha definito pericolose) su Marte, SpaceX ha ottenuto traguardi decisamente importanti. L’azienda è riuscita a mandare astronauti nello spazio da suolo americano attraverso il programma Crew Dragon, obiettivo raggiunto con diversi test e molta cautela, oltre che con un pizzico di follia che, lo ammettiamo, contraddistingue il suo CEO.

Idee regalo,
perché perdere tempo e rischiare di sbagliare?

REGALA
UN BUONO AMAZON
!

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.