Frode da 1,4 milioni di sterline: il fisco britannico sequestra tre NFT. E’ la prima volta al mondo

Another ICT Guy

Frode da 1,4 milioni di sterline: il fisco britannico sequestra tre NFT. E’ la prima volta al mondo

Le autorità fiscali del Regno Unito hanno, per la prima volta, sequestrato un NFT. Si tratta di un fatto avvenuto nel contesto di un’operazione che ha portato all’arresto di tre persone per frode. L’autorità ha sequestrato asset crittografici per un valore complessivo di 5 mila sterline, insieme a tre opere d’arte NFT di cui deve essere ancora stimato il valore.

La frode, che avrebbe una dimensione di circa 1,4 milioni di sterline, ha coinvolto 250 false aziende e i tre arrestati avrebbero utilizzato ogni strumento possibile, da indirizzi falsi a telefoni prepagati, VPN e identità rubate, allo scopo di nascondere le proprie attività all’Her Majesty’s Revenue and Customs. Il fisco britannico precisa comunque di non aver preso il controllo degli NFT ma di sfruttare un’ingiunzione del tribunale per impedire che possano essere venduti.

Nick Sharp, vicedirettore dell’HMRC per quanto concerne la divisione che si occupa dei crimini fiscali, afferma che l’autorità “si adatta continuamente alle nuove tecnologie per garantire di essere al passo con il modo in cui criminali ed evasori cercano di nascondere i loro beni”. Sharp ha poi sottolineato alla BBC che il sequestro funge da avvertimento per tutti coloro i quali pensano di poter sfruttare gli asset crittografici per nascondere il denaro dal fisco britannico.

Con la crescita del valore delle criptovalute verificatasi durante il 2021 e, soprattutto, l’esplosione del fenomeno NFT, è abbastanza fisiologico assistere ad episodi di sequestro da parte delle autorità. Nei giorni scorsi è salito agli onori delle cronanche anche il sequestro di 3,6 miliardi di dollari in criptovalute legate ad una compromissione di Bitfinex avvenuta nel 2016. L’operazione del fisco britannico, tuttavia, segna la prima volta che vengono sequestrati NFT.

Ed è anche abbastanza improbabile che si tratti dell’ultima volta in cui sentiremo parlare di sequestro di NFT. A tal proposito il fisco statunitense ha sottolineato di aver spostato la propria attenzione sulle criptovalute per via dell’alto numero di frodi che si stanno verificando. Del resto in un mercato in cui singoli NFT vengono scambiati anche per milioni di dollari, e con un giro d’affari complessivo di circa 16 miliardi, è inevitabile che le autorità fiscali inizino ad osservare il fenomeno con molta più attenzione.

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.