Dodge Charger e Challenger a benzina verso l’estinzione per fare spazio alle auto elettriche

Another ICT Guy

Dodge Charger e Challenger a benzina verso l’estinzione per fare spazio alle auto elettriche

Dodge cesserà la produzione di due delle sue icone a benzina, per far spazio ai primi veicoli elettrici della casa automobilistica. La transizione avverrà nel 2024, con la roadmap che è stata rivelata dal CEO del brand, Tim Kuniskis, durante un’intervista con Motor Trend. Già nel 2022 vedremo la prima concept muscle car elettrica, seguita da un veicolo plug-in hybrid e da un ulteriore veicolo non meglio dettagliato, ma la prima EV del brand americano arriverà non prima del 2024.

Già l’anno scorso lo stesso Kuniskis aveva anticipato che l’elettrificazione è un percorso inevitabile, proprio dopo aver presentato il SUV Dodge Hellcat con motore V8 da 6,2 litri e 710CV, capace di consumare più di 18 litri di benzina per percorrere 100 chilometri. Qualche mese fa Dodge aveva confermato il piano di rilasciare il primo EV nel 2024 in un evento della società madre Stellantis, sottolineando però che il brand non avrebbe “venduto macchine elettriche, ma eMuscle”. Questo sarà probabilmente il branding che Dodge utilizzerà per i propri EV.

Dodge Charger e Challenger, le due icone faranno spazio alle auto elettriche

Durante l’evento Kuniskis non aveva però svelato il destino che toccherà ai veicoli con motore a combustione interna, mentre adesso sappiamo che verranno progressivamente eliminati man mano che le risorse verranno trasferite verso la produzione di EV: “Queste auto così come le conosci oggi usciranno di produzione entro il 2024”, sono state le parole di Kuniskis. Gli EV di Dodge utilizzeranno il logo Fratzdog in una nuova veste tridimensionale con illuminazione LED, che richiamerà uno dei simboli utilizzati dall’azienda negli anni ’60 e ’70. Oltre alle versioni elettriche dei veicoli Charger e Challenger, Dodge prevede anche di produrre camion elettrici, tra cui un Ram 1500 che entrerebbe in diretta competizione con F-150 Lightning di Ford.

Una notizia del genere non può che suscitare pareri contrastanti: da una parte la transizione verso l’elettrico che sembra inevitabile, dall’altra un intero mondo – quello delle muscle car – che ha suscitato una forte passione alimentata da benzina, motori Hemi e prestazioni brucianti in accelerazione. Le elettriche hanno già dimostrato di non temere rivali in quanto a prestazioni, ma una muscle car che si rispetti si fa riconoscere (anche a centinaia di metri di distanza) per il suo sound graffiante. E quello sarà davvero difficile da riprodurre con un’auto elettrica.

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *