Apple studia gli occhiali per dare più privacy agli iPhone

Another ICT Guy

Apple studia gli occhiali per dare più privacy agli iPhone

(ANSA) – MILANO, 15 NOV – Apple pensa a modi ulteriori per
dare a chi usa un iPhone maggiore privacy nei luoghi pubblici.
    L’ufficio dei brevetti statunitense ha pubblicato il documento
con cui il colosso americano descrive una tecnologia che
offrirebbe ai possessori di iPhone la possibilità di oscurare lo
schermo e renderlo invisibile agli altri. Solo indossando un
paio di occhiali compatibili, a partire probabilmente dagli
Apple Glass attesi già nel 2022 stando alle ultime indiscrezioni
di Bloomberg, si potrebbe visualizzare il display. Secondo il
brevetto, la funzione ‘privacy eyewear’ riconosce il volto
dell’utente che si trova dinanzi, tramite Face ID, per rendere
sfocato o del tutto nero il pannello del telefono, a seconda
delle impostazioni scelte in fase di configurazione. A quel
punto, solo occhiali con una speciale lente sarebbero in grado
di tradurre ciò che passa sull’iPhone, filtrando il disturbo di
fondo. Il documento include un’illustrazione in cui si nota
chiaramente uno scenario d’uso che coinvolge il cellulare. Al
fianco di questo brevetto, lo US Patent & Trademark Office ne ha
pubblicato un secondo, nel quale si parla dell’opportunità di
controllare un drone, come quelli casalinghi famosi molti anni
fa, tramite rete cellulare e non più con la sola connettività
bluetooth, limitata in termini di copertura. Come riporta The
Information, non è escluso che il brevetto si riferisca
all’estensione della funzionalità ‘Dov’è’, che consente agli
AirTag di Apple di collegarsi, in maniera anonima, agli iPhone,
iPad e altri dispositivi del marchio che trova in giro, per
inviare la posizione al possessore e tracciare gli oggetti su
cui ha inserito gli stessi AirTag. In tal modo, un drone
potrebbe viaggiare su distanze molto più elevate, sfruttando i
canali di comunicazione dei dispositivi della Mela, rimanendo
online e gestibile da remoto. (ANSA).
   

https://www.carlomauri.net

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *