Ecco la novità che riporterà Tesla cinque anni avanti a tutti. Foto dalla fabbrica di Berlino

Another ICT Guy

Ecco la novità che riporterà Tesla cinque anni avanti a tutti. Foto dalla fabbrica di Berlino

Alla fine solo 9.000 fortunati hanno potuto partecipare alla GigaFest, la “sagra di paese” che Tesla ha organizzato sabato scorso per inaugurare la nuova fabbrica nei pressi di Berlino. Durante la festa era anche previsto un tour all’interno dello stabilimento, ufficialmente ancora non in funzione, ma già pieno di componenti di prova realizzati, e macchinari attivi.

Grazie alle numerose immagini diffuse in rete dai fan, abbiamo potuto vedere parti di telaio, scocche, interni, robot al lavoro sulla catena di montaggio, ed anche le famose GigaPress, enormi presse, prodotte in Italia, che Tesla utilizza per “stampare” grosse parti di telaio in un unico pezzo.

Tesla battery pack

I due grossi pezzi del telaio, assemblati con la batteria strutturale

Propria questa è una delle novità più importanti sulla quale abbiamo potuto dare uno sguardo in anteprima, dato che a Berlino Tesla inizierà ad utilizzare le presse per un doppio compito: non solo il casting della parte posteriore del telaio, ma anche di quella anteriore.

A questa novità si aggiungerà anche l’arrivo del nuovo pacco batteria strutturale, realizzato con le nuove celle al litio 4680, più grandi delle precedenti e con densità energetica più alta. Ma il grande vantaggio per Tesla sarà appunto avere solo tre grandi parti che andranno a formare l’intero telaio, al posto di centinaia di pezzi più piccoli.

Non solo, come detto la batteria diventerà strutturale, come mostrato nello spaccato presente in fabbrica. Le celle non saranno più unite tra loro in gruppi, i cosiddetti moduli, ma saranno tutte affiancate in una struttura che diventerà portante per il telaio, tanto che nell’esempio in esposizione si vede come i blocchi per l’aggancio dei sedili siano direttamente assemblati sul coperchio della batteria stessa.

Tesla battery pack

Lo spaccato della nuova batteria, mostra la semplicità interna e le nuove celle 4680

Questa novità, che dovrebbe esordire forse dal 2022, semplificherà ulteriormente la produzione, riducendo di parecchio le tempistiche e i relativi costi, grazie ad un minore uso di materie prime. Contemporaneamente la dinamica della vettura dovrebbe migliorare, con minor peso e maggiore rigidità. Sono diversi i costruttori concorrenti, che hanno ovviamente voluto restare anonimi, che si sono detti preoccupati da questa innovazione, perché temono che Model Y e Model 3 prodotte con questo metodo possano essere sfornate a grandissima velocità, e al tempo stesso avere un prezzo ancora più competitivo.

Tesla battery pack

La parte frontale del telaio, realizzata in single casting

Tesla ora è in attesa delle autorizzazioni finali, per iniziare la produzione reale a Berlino entro la fine del 2021, anche se inizialmente le vetture saranno costruite con il metodo attuale, che prevede un casting in unico componente solo per la parte posteriore, e batteria non portante con celle 2170.

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *