Auto elettrica, Roma-Reggio Calabria con i deputati Sut e Chiazzese: altro che 52 ore!

Another ICT Guy

Auto elettrica, Roma-Reggio Calabria con i deputati Sut e Chiazzese: altro che 52 ore!

Continua a far discutere l’attenzione della trasmissione di LA7, Piazzapulita, sulla mobilità elettrica e sullo stato della rete di ricarica italiana. Per chi si fosse perso la storia, ricordiamo che il noto format ha mandato in onda un reportage del viaggio Roma – Reggio Calabria al volante di un’auto elettrica, il cui modello non viene mai nominato, anche se le immagini rendono ben riconoscibile la Renault Zoe.

Abbiamo parlato della questione anche un nostro recente articolo, per sottolineare come fosse inverosimile il risultato ottenuto da LA7, che lamenta 52 ore per percorrere la tratta di circa 700 km. Veniamo dunque al video di oggi, realizzato dai deputati Luca Sut e Giuseppe Chiazzese, da sempre in prima linea in favore della mobilità elettrica, e autori di molti decreti che hanno portato incentivi alla vendita nel nostro Paese, nonché obblighi per i gestori per far crescere la rete di colonnine.

Rete che i due colleghi vogliono dimostrare essere già discreta, anche al Sud, diversamente da quanto mostrato da LA7. Ecco il video pubblicato sui social:

Come giustamente sottolineato nel video, il fatto che oggi si possa viaggiare tranquillamente in auto elettrica non significa che il lavoro sul network di ricarica sia finito. Con un mercato in forte crescita anche il numero delle colonnine dovrà crescere, così come dovrà crescere (ed in effetti sta già crescendo) il numero di postazioni di ricarica fast in autostrada.

La tempistica ottenuta dai due Deputati, circa 10 ore, è del tutto simile a quella di altri viaggi già compiuti per sfatare la tesi di LA7, ed è un tempo decisamente lontano dalle 52 ore ottenute dal canale TV nazionale. Durante il viaggio hanno utilizzato colonnine hyperfast di Ionity e normali colonnine fast di Enel X, presenti in buon numero sulla tratta, come sottolineano in un passaggio del video, infrastrutture “casualmente” ignorate dal servizio di cui sopra.

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *