Microsoft Surface Laptop Studio è il re dell’evento di oggi, e il sogno di tutti i creativi

Another ICT Guy

Microsoft Surface Laptop Studio è il re dell’evento di oggi, e il sogno di tutti i creativi

In occasione dell’evento di fine anno del 2021, tipicamente incentrato sull’hardware, Microsoft ha tolto i veli da Surface Laptop Studio. Si tratta del successore dei “vecchi” Surface Book, migliorato in praticamente ogni componente per solleticare il palato di qualsiasi tipo di creativo (e non). Il nuovo portatile viene riprogettato da zero diventando il nuovo flagship di Microsoft, abbandonando il display rimovibile a favore di un form factor molto particolare, che consente di usare il display in tre modalità.

Nuovi Microsoft Surface Laptop Studio

Invece di trasformarsi in tablet, quindi, Surface Laptop Studio si trasforma in una sorta di tavolozza che può essere utilizzata nelle modalità Stage e Studio. Microsoft ha definito il nuovo portatile come “il Surface più potente mai realizzato”, e “il culmine di anni di innovazione” su cerniere, display, piattaforma hardware. Insomma, il meglio del meglio della famiglia racchiuso in un unico dispositivo che ne rappresenta il modello top di gamma.

Nuovi Microsoft Surface Laptop Studio

La novità principale è rappresentata dal display e dalla sua innovativa cerniera. Abbiamo un display PixelSense Flow da 14,4 pollici a risoluzione 2400 x 1600 pixel con supporto fino a 120 Hz e Dolby Vision. La nuova cerniera flessibile viene definita Dynamic Woven Hinge: secondo Microsoft è resistente (anche se questo aspetto sarà tutto da verificare) e consente a questo laptop di passare da una modalità all’altra in modo molto simile al Surface Studio tradizionale, il grosso desktop anch’esso pensato per i “creator”. Tre le modalità supportate: laptop, stage e studio.

Nuovi Microsoft Surface Laptop Studio

La prima non ha bisogno di molte presentazioni: sopra si posiziona il display, sotto la tastiera e il touchpad che guadagna un nuovo motore per il feedback aptico. La modalità Stage consente di trascinare il display verso il fruitore, utilizzato una parte della scocca posteriore come se fosse il supporto dei Surface Pro. L’angolazione può essere utilizzata secondo il produttore con i giochi (ma la tastiera viene nascosta), per lo streaming e per le presentazioni. E’ chiaramente una delle modalità migliori per usare anche la Surface Slim Pen 2, che abbiamo già visto su Surface Pro 8. Come sul 2-in-1, anche Surface Laptop Studio guadagna il feedback aptico nella penna che simula la sensazione della scrittura su carta.

Nuovi Microsoft Surface Laptop Studio

C’è poi la modalità tablet, ma non chiamatela così. Microsoft ha evitato di farlo anche perché il nuovo notebook ha un peso ben più importante di quello di un tablet, e non può essere usato in quanto tale. Lo spessore è di circa 1,8cm e il peso sfiora i 2Kg: difficile mantenerlo per periodi prolungati con una sola mano, insomma. La modalità tablet in questo caso si chiama modalità Studio ed è pensata per la scrittura, per il disegno e per altre modalità creative, mantenendo il computer sulla scrivania.

Sotto la scocca troviamo i processori Intel Core Tiger Lake Core i5-11300H e i7-11370H, quest’ultimo anche con GPU NVIDIA GeForce RTX 3050 Ti e 4GB di RAM dedicata alla grafica. La CPU può essere abbinata a 16 o 32GB di RAM, e fino a 2TB di spazio di archiviazione interno rimovibile. Wi-Fi 6 e Bluetooth 5.1 sono integrati, insieme a due porte USB 4 con supporto Thunderbolt 4. Attraverso questa funzione l’utente può collegare più monitor 4K, utilizzare periferiche esterne di archiviazione veloci o anche abbinare una GPU esterna sfruttando la velocità del protocollo.

Il prezzo di 1.599 dollari non è per tutti, anche se in relazione alle caratteristiche Surface Laptop Studio si propone come una valida e potente soluzione per il professionista in senso lato, e non solo per il creativo. La disponibilità è attesa per il 5 ottobre, data di rilascio di Windows 11, mentre in Italia dovremo attendere gennaio 2022. Sarà Windows 11, chiaramente, il sistema operativo proposto nativamente (in versione Home) sul nuovo notebook top di gamma di Redmond. I clienti aziendali potranno sceglierlo anche con Windows 10 Pro e Windows 11 Pro. Insomma, è guerra aperta ad Apple e ai suoi MacBook Pro.

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *