Netflix per la prima volta gratuito in Kenya! Ecco come funziona e quali sono le limitazioni

Another ICT Guy

Netflix per la prima volta gratuito in Kenya! Ecco come funziona e quali sono le limitazioni

Netflix è attualmente il principale servizio di streaming video presente sul mercato e come spesso accade quando la penetrazione è elevata, iniziano a presentarsi problemi di stagnazione e di calo della crescita. Nei mercati serviti molte persone hanno già un abbonamento Netflix e diventa difficile riuscire a catturare nuovi clienti, mentre nei mercati su cui si è appena affacciato c’è ancora una certa latenza nel riuscire a costruire un florido bacino d’utenza.

Del resto una volta completata la diffusione sui mercati sviluppati, si passa ad aggredire le economie in via di sviluppo che spesso hanno caratteristiche del tutto differenti e sono composte da un pubblico con propensioni e inclinazioni di spesa diverse da quanto si può trovare nei mercati sviluppati.

Il colosso dello streaming ha quindi deciso, in maniera del tutto inaspettata poiché> francamente impensabile fino ad ora, di proporre in Kenya la possibilità al pubblico di accedere in maniera del tutto gratuita ad una porzione del suo catalogo. L’offerta di contenuti in maniera gratuita, e spesso supportati da inserzioni pubblicitarie, è un modello di business abbastanza comune tra i servizi di streaming musicale, ma non è mai stato tentato dalle realtà di steaming video che invece offrono, talvolta, prove gratuite della durata di pochi giorni al termine delle quali viene richiesto di sottoscrivere un abbonamento a pagamento.

Ovviamente l’offerta che Netflix sta mettendo alla prova in Kenya prevede una serie di limitazioni e requisiti: è necessario comunque registrarsi, con email e password, ed essere maggiorenni e la porzione di contenuti gratuiti è fruibile solamente su smartphone Android. Per usare il servizio su qualsiasi altro dispositivo sarà necessario sottoscrivere l’abbonamento a pagamento, che andrà a sbloccare l’accesso all’intero catalogo. La visione gratuita dei contenuti, inoltre, non permette la trasmissione da smartphone a televisore e non è possibile scaricare contenuti per la visione offline.

La nuova offerta gratuita di Neflix in Kenya rappresenta un esperimento: la società potrà misurare quanto uno “specchietto per le allodole” gratuito sia efficace nell’attirare utenti che potrebbero diventare paganti in un secondo momento. A seconda dell’esito potremmo vedere estendersi questa strategia anche in altri mercati e, perché no, abbracciata anche da altri concorrenti.

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *