Tesla Model Y, ecco un rarissimo video 4K con tutte le fasi di produzione a Shanghai

Another ICT Guy

Tesla Model Y, ecco un rarissimo video 4K con tutte le fasi di produzione a Shanghai

Tesla ci ha abituato, sia negli Stati Uniti, sia in Europa, a uno scarso uso dei media per pubblicizzare la sua attività. Questa scelta non comprende solo i canali tradizionali, ma anche quelli più moderni, come social o YouTube, dove molto raramente pubblica qualcosa.

La filiale cinese invece si è sempre comportata in modo diverso, pubblicando spesso foto della fabbrica di Shanghai, o video più o meno lunghi con una certa periodicità. Questa volta è toccato al social media cinese Weibo ospitare un video in 4K, pubblicato in via ufficiale da Tesla China, che mostra per la prima volta tutte le fasi di lavorazione, in particolare quelle per la Model Y.

Di recente si è scoperto come la casa americana stia spingendo tantissimo sulla produzione del suo stabilimento cinese, tanto che la quota di Model Y che esce dalla catena di montaggio di Shanghai è salita a 1.000 al giorno, superando la Model 3 ferma a circa 800.

Nel video si vedono tanti dettagli interessanti. Troviamo le giga presse di produzione italiana che stampano parti del telaio in un unico componente. Per un attimo possiamo dare anche uno sguardo alle batterie in fase di composizione, dove si scorgono chiaramente le singole celle cilindriche 2170, prodotte da LG Chem, con chimica NCM o NCMA.

Ci sono poi diversi passaggi che mostrano il processo di verniciatura, a detta di molti migliore di quello americano, anche per via dell’assenza di normative che ne limitano lo spessore e l’uso di alcuni solventi.

È probabilmente la prima volta in assoluto in cui Tesla mostra anche le fasi di assemblaggio dei motori elettrici, ad oggi ancora i più efficienti sul mercato. Infine, una volta completamente assemblate, le vetture vengono portate su un piccolo tracciato per testarne il funzionamento. In questi giorni sono iniziate in tutta Europa le consegne della Model Y, con vetture provenienti proprio dallo stabilimento cinese, in attesa che inizi la produzione a Berlino.

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *