Il rover NASA Perseverance è quasi pronto a raccogliere i campioni su Marte

Another ICT Guy

Il rover NASA Perseverance è quasi pronto a raccogliere i campioni su Marte

Il drone NASA Ingenuity ha attirato l’attenzione di media e appassionati per via dell’unicità della sua missione. Ma l’agenzia spaziale statunitense ha speso (letteralmente) molto di più per NASA Perseverance che sta per iniziare una fase delicata ma importantissima su Marte.

Si tratta della fase iniziale della missione Mars Return Sample. Questa serie di operazioni preleverà campioni di roccia e suolo marziani per poi riportarli, in futuro, sulla Terra per analisi più dettagliate. Ci vorranno alcuni anni e passaggi complicati, ma sarà la prima volta che potremo “mettere le mani” su rocce di un altro pianeta. Per il momento gli esseri umani hanno potuto “solo” analizzare direttamente le rocce della Luna e di alcuni asteroidi.

rover nasa perseverance

La zona candidata per la raccolta è quella chiamata “Cratered Floor Fractured Rough” e le operazioni inizieranno nel corso delle prossime due settimane. Lo scopo era quello di trovare un punto nel quale il fondo del cratere Jezero fosse esposto. Questo permette di raccogliere campioni non “contaminati” dagli eventi più recenti avvenuti sul Pianeta Rosso.

NASA Perseverance si prepara a raccogliere i campioni di suolo di Marte

Le fasi di prelievo dei campioni prevedono inizialmente l’invio delle istruzioni di movimento dei vari meccanismi. Successivamente il rover NASA Perseverance dovrà fare in modo che i vari elementi possano essere raggiunti dal braccio meccanico da due metri. Si inizierà poi la raccolta delle immagini ravvicinate della zona di campionamento per fare in modo che gli scienziati possano decidere dove fare il prelievo e solo a quel punto sarà effettuata l’operazione.

nasa rover

Verrà impiegata una punta abrasiva per raschiare gli strati superiori di roccia e verranno anche rimossi le ultime polveri e grazie a uno strumento ad hoc. Le analisi verranno poi condotte da SHERLOC, PIXL e WATSON (che si trovano sul braccio robotico) che permetteranno di conoscere composizione minerale e chimica della zona d’interesse. Anche SuperCam utilizzerà il raggio laser per analizzare spettroscopicamente il plasma risultante mentre Mastcam-Z farà un ingrandimento fotografico del dettaglio.

nasa marte

La zona dove il rover NASA Perseverance preleverà i campioni

nasa

Il punto nel quale il rover si dirigerà per raccogliere i campioni

Una volta definito il bersaglio, l’Adaptive Caching Assembly preleverà una provetta di campionamento, la riscalderà e la posizionerà vicino al trapano a percussione per poi riempirla con un carotaggio del terreno. Una volta completato questo passaggio, il campione sarà messo sul carosello portacampioni per rimetterlo nell’Adaptive Caching Assembly. Qui verrà fotografato, misurato per quanto riguarda il volume e sigillato ermeticamente.

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *