Bitcoin, non solo El Salvador: in Argentina si avanza la proposta di pagare i salari in BTC

Another ICT Guy

Bitcoin, non solo El Salvador: in Argentina si avanza la proposta di pagare i salari in BTC

Non solo El Salvador tra i paesi latinoamericani ad essere interessati alle criptovalute: nei giorni scorsi il deputato argentino José Luis Ramón ha avanato un disegno di legge che, se approvato, consentirà alle imprese di pagare i propri dipendenti in Bitcoin.

Secondo quanto proposto i lavoratori dipendenti potranno scegliere di ricevere i salari in Bitcoin, in toto o in parte. Non si tratterebbe quindi di una misura obbligatoria, ma a scelta dei lavoratori. Secondo Ramón l’obiettivo principale della proposta è rafforzare l’economia argentina e consentire ai cittadini di “preservare il potere d’acquisto della loro remunerazione”. Del resto il peso argentino ha sofferto di un vertiginoso tasso di inflazione: negli ultimi dodici è stato registrato un tasso pari al 48,8%, mentre nel primo semestre 2021 l’inflazione è scesa “solo” attorno al 25%.

Sono queste esigenze che hanno fatto nascere, secondo il deputato argentino, la proposta di consentire il pagamento di stipendi in Bitcoin. Il politico afferma che c’è un forte desiderio di promuovere una maggiore autonomia salariale senza esporre la situazione ad abusi o compromettere i diritti individuali.

Ramón rappresenta la provincia di Mendoza ed è uno dei 10 membri del congresso a rappresentanza dell’area geografica. L’ordinamento dello Stato prevede 72 senatori e 257 membri dell Congresso. Il disegno di legge dovrà essere ovviamente votato dalla maggioranza perché possa essere successivamente approvato. Prima che il disegno di legge possa essere convertito in legge le due camere devono darne lettura comune e inviarlo al presidente Alberto Fernández perché venga approvato. Un iter molto lungo, il cui esito non è per nulla scontato.

A differenza di El Salvador però, dove a quanto pare la maggior parte della popolazione non conosce cosa siano le criptovalute, in Argentina molti cittadini hanno speculato in questo mercato o lo sfruttano per convertire i peso in dollari passando prima per Bitcoin e risparmiare sulle commissioni di cambio.

Fonte: http://feeds.hwupgrade.it/

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *